Gli interessi britannici sulla Libia. Parte II

libia2

libia2

DAL CONSOLATO BRITANNICO DI BENGASI (LIBIA) AL FOREIGN OFFICE (LONDRA), 25 MAGGIO 1959, SEGRETO, PREM 11/2743.

L’indipendenza finanziaria della Libia […] potrebbe generare pressioni sempre più forti, al fine di cancellare o di ridurre in maniera considerevole la nostra presenza militare nel paese. Al momento, la maggioranza dei libici non legati al governo accettano la nostra presenza qui unicamente per motivi mercenari. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI | Contrassegnato , , , , , , , | 1 commento

Il caso dei giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni

graziella-de-palo-italo-toni-

graziella-de-palo-italo-toni-

Siamo onorati di accogliere questo documento fattoci pervenire di familiari dei giornalisti Graziella De Palo e Italo Toni rapiti e uccisi in Libano, il 2 settembre 1980, come Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in Somalia, quattordici anni dopo. A distanza di tanti decenni un velo di mistero copre ancora questi delitti. Ecco il testo della lettera dei De Palo-Toni che rappresenta il punto di vista dei familiari che per tanto tempo hanno seguito la tragica vicenda dei loro congiunti. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI, Attualità, Politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gli interesi britannici sulla Libia. Parte I

libia1

libia1

PREM 8/1231

TOP SECRET, 21 APRILE 1948

“IL FUTURO DELLE EX COLONIE ITALIANE”

Nota: la circolazione di questo documento è strettamente limitata ed è destinata all’uso personale del primo ministro

Dal momento che la Gran Bretagna non è riuscita ad ottenere i vantaggi strategici di cui necessita in Egitto e in Palestina, la Cirenaica ha assunto un’importanza strategica vitale.

Si tratta infatti di una base dalla quale potremmo iniziare un’azione aerea strategica fin dall’inizio di un eventuale conflitto, nonché un’area dalla quale poter inviare rapidamente truppe inglesi in difesa dell’Egitto e della Palestina. […]. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Breve storia dei Servizi segreti italiani

Giuseppe De Lutiis

Non esistono i servizi segreti deviati, ma le deviazioni dei servizi segreti

servizi-segreti

servizi-segreti

I servizi segreti dell’Italia democratica nascono ufficialmente il 1 settembre 1949, sulle ceneri – ma mantenendo in pieno uomini e strutture – del vecchio Sim, il servizio d’informazione militare, nato durante il regime fascista: il nome è Sifar (Servizio Informazioni Forze Armate).
Già nella costituzione del Sifar c’è qualcosa di anomalo: nessun dibattito parlamentare, ma solo una circolare interna, firmata dall’allora ministro della Difesa Randolfo Pacciardi, repubblicano.
Dalla nascita della Repubblica, l’Italia ha atteso più di tre anni, quindi, per dar vita all’organismo che dovrebbe tutelarne la sicurezza, il tempo necessario a “scaricare” le sinistre dal governo e ad aderire al Patto Atlantico. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 2 commenti

Il milazzismo e i nuovi Gattopardi in Sicilia

Luigi Ficarra

Silvio-Milazzo

Silvio-Milazzo

Nel febbraio 1960 cadde in Sicilia nell’ignominia della corruzione il governo Milazzo, un grosso agrario di Caltagirone: un governo che rappresentò una delle pagine più regressive della storia del M.O. italiano. (L’ignominioso fatto di corruzione fu il c.d. caso ‘Santalco’, in cui fu implicato un alto dirigente del PCI dell’epoca, oggi riformista dichiarato, lo stesso che nel 1983, al XVI congresso del PCI, definì un “povero cretino moralista” Diego Novelli, allora sindaco di Torino, già attaccato da Craxi per le denunce che aveva fatto di alcuni casi di corruzione di consiglieri comunali). -continua->

Pubblicato in ARTICOLI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il piano Graziani per distruggere l’Italia

Claudia Cernigoi

Rodolfo_Graziani

Rodolfo_Graziani

Nel 1985 il giornalista Gaetano Contini pubblicò un “documento inedito” redatto presumibilmente verso la fine del 1945 e firmato in calce da Aldo Gamba, all’epoca comandante del 1° Squadrone autonomo, un reparto della Polizia militare segreta sottoposto agli ordini del servizio segreto britannico FSS (Field Security section), con sede a Brescia .
Tale documento sarebbe stato scritto da un “informatore” di Gamba, che evidentemente lo ritenne attendibile se decise di inoltrarlo con la propria firma, ed è intitolato “Il piano Graziani per la resurrezione del fascismo”. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI, Cultura, SAGGI | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Cos’è la democratura

Renzi-Putin

Renzi-Putin

Gli italiani ci avviamo ad essere un popolo di comandati. Il fenomeno si realizza senza che ce ne rendiamo conto, oppure con quella sottaciuta voluptas dolendi che da sempre abbiamo irresponsabilmente covato dentro di noi. Fino al fascismo e ai nostri giorni. La nostra caratteristica principale è applaudire chi, per nostra volontà, sta sul carro e lo guida. L’auriga diventa così ai nostri occhi il capo indiscusso. Criticarlo sarebbe un’azione disdicevole, sia ai nostri occhi sia per tutti gli italiani comandati da questa guida da guerra. O tenta di comandare. Chi non segue è morto. E gli italiani, si sa, non amano parlare male di un morto. Così, nel 1949, interpretando la cultura dei suoi connazionali, Curzio Malaparte scriveva: “Strano popolo il nostro! Finché sei vivo, non ti risparmiano nessuna calunnia, nessun vituperio: ma appena muori, guai a chi parla male di te. -continua->

Pubblicato in ARTICOLI, Attualità, Politica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento