Lupara nera

IN TUTTE LE LIBRERIE

DA MERCOLEDI’ 1° LUGLIO 2009

PAGINE 496

EURO 16,00

Che ruolo svolsero i servizi segreti americani nell’Italia degli anni ’43-’47? Le gerarchie vaticane spinsero per una svolta antidemocratica in risposta alla “minaccia comunista”? E lo spionaggio nazifascista cessò di operare nella primavera del ’45?

A più di sessant’anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, Casarrubea e Cereghino analizzano migliaia di documenti dell’intelligence angloamericana, desecretati dopo il 2000, e tracciano una storia segreta rimasta sepolta per decenni negli archivi dell’Office of strategic services statunitense – l’antenato della Cia –  e del War office britannico.

Da queste carte emerge un affresco impressionante tra l’agonia del ventennio mussoliniano e l’inizio della guerra fredda, anni in cui nasce la “Santissima Trinità”, ovvero il patto infame tra poteri mafiosi, servizi segreti atlantici e neofascismo.

“Abbiamo approfondito gli studi su quel periodo drammatico della storia italiana, avviati con Storia segreta della Sicilia (2005) e Tango connection (2007), editi entrambi da Bompiani – raccontano Casarrubea e Cereghino -. In questi ultimi due anni la nostra ricerca non si è fermata. Le carte inglesi rintracciate nel 2008 a Kew Gardens, ad esempio, svelano aspetti inediti della ‘Guerra segreta oltre le linee’ messa in piedi dai servizi segreti nazisti in Italia e dai corpi speciali della Rsi, a cominciare dalla Decima Mas del principe Borghese e dai famigerati Sabotatori -Attentatori di Tommaso David.

Herbert Kappler a dx e Karl Hass brindano in un salotto romano

Herbert Kappler a dx e Karl Hass brindano in un salotto romano

Alla vigilia della caduta del fascismo, nella primavera del ’43, il Sichereitsdienst hitleriano, diretto a Berlino da Ernst Kaltenbrunner e da Walter Schellenberg, si mobilita per contrastare l’imminente sbarco angloamericano in Sicilia. Nasce così la Rete Invasione e Sabotaggio affidata a Herbert Kappler e Karl Hass.

TNA(PRO)WO204-12798(01) WORLD WAR II ITALY WAR CRIMES (SS Co

La loro prima missione sarà l’allestimento nell’isola del piano segreto denominato ‘Azienda agricola’, ovvero una complessa organizzazione che inizia ad operare alla fine di agosto del ’43 (spionaggio e sabotaggio). Si tratta forse della scoperta archivistica più importante realizzata negli ultimi anni.

Come raccontiamo in Lupara Nera, la Rete Invasione e Sabotaggio sarà segretamente inglobata dall’intelligence americana di James Angleton nel dopoguerra, assieme a migliaia di terroristi nazifascisti a cui verranno risparmiati i processi per gli eccidi commessi nei venti mesi di Salò”.

Giuseppe Casarrubea (sullo sfondo un'opera di Renato Guttuso)

Giuseppe Casarrubea (sullo sfondo un'opera di Renato Guttuso)

Non stupisce, dunque, la nascita della strategia della tensione in Italia. Nell’autunno ’46, il presidente Harry Truman autorizza un colpo di Stato con l’obiettivo strategico di instaurare una “dittatura militare” affidata all’Arma dei carabinieri, con l’obiettivo di mettere fuori legge il Pci di Togliatti. L’esecuzione del piano golpista è commissionata alle squadre armate neofasciste che in Sicilia, il 1° maggio ’47, mettono in atto la strage di Portella della Ginestra (12 morti e 27 feriti), ovvero la miccia che dovrà innescare la reazione anticomunista, il punto zero della strategia della tensione in un’Italia uscita sconvolta dalla guerra mondiale.

“I rapporti del Sis italiano parlano chiaro – spiegano gli autori -. Sono il Comando militare e l’intelligence statunitensi a dare il via all’operazione golpista nell’autunno ’46. Gli americani temono che comunisti e socialisti possano vincere democraticamente le prime elezioni politiche dalla caduta del fascismo, che finiranno per svolgersi, dopo vari rinvii,  il 18 aprile ’48. Gli 007 londinesi segnalano con preoccupazione i contatti tra agenti americani, eversione nera  e personalità dello Stato italiano come, ad esempio, il capo della polizia. Nei rapporti, si fanno espliciti riferimenti all’‘incidente’ e al ‘lago di sangue’ che daranno il via al golpe militare. Ma sono soprattutto le carte britanniche sul neofascismo, desecretate nel 2005, che ci permettono di comprendere il dietro le quinte di quei mesi terribili. Si parla ampiamente, ad esempio, del colonnello Charles Poletti, il capo del Governo militare alleato tra il ‘43 e il ’45.

Nel giugno ’47 arriva in Italia ‘in missione speciale per conto del governo americano’ per assicurare armi e denaro alle squadre armate anticomuniste. L’alleanza sotterranea tra intelligence Usa e neofascismo si concretizza anche sul confine orientale, dove gli agenti statunitensi non esitano a scendere a patti con gli ex repubblichini per fronteggiare la ‘minaccia comunista’ incarnata dal maresciallo Tito. Dai documenti emergono inoltre i finanziamenti clandestini elargiti dalla Banca Nazionale dell’Agricoltura e dalla grande industria ai gruppi paramilitari neofascisti. È in questo contesto che si colloca l’azione terroristica di Salvatore Giuliano. Il suo gruppo è uno squadrone della morte agli ordini dei Fasci di azione rivoluzionaria (Far) di Pino Romualdi, delle Squadre armate Mussolini (Sam) e della Decima Mas di Junio Valerio Borghese. I documenti del controspionaggio Usa (da noi ritrovati nel 2005 negli archivi americani di College Park) rivelano che i contatti tra Salò e Giuliano risalgono all’estate ’44, quando un commando nazifascista inizia a operare sulle montagne tra Partinico e Montelepre per addestrare militarmente gli uomini della banda”.

Emerge uno scenario fino a pochi anni fa inimmaginabile. Grazie alle protezioni del presidente argentino Juan Domingo Perón, l’Internazionale nera stanzia decine di milioni di dollari per il colpo di Stato nell’Italia degli anni ’46-‘47. Un paese a serio “rischio democrazia” per la crescente influenza dei partiti storici della sinistra italiana, il Pci di Togliatti e il Psi di Nenni. Soldi forniti in abbondanza ai corpi dello Stato, ai gruppi paramilitari neofascisti, ai “picciotti” siciliani che si richiamano ai fronti antibolscevichi e al separatismo monarchico, alla mafia siculo-americana di Lucky Luciano.

Sono i milioni di dollari dei nazisti tedeschi e dei fascisti italiani, rifugiatisi in Brasile e in Argentina a partire dal ‘43, ad alimentare l’eversione nera in Italia. E’ il celebre oro nazista che Himmler ordina di trasferire nel Cono sud latinoamericano dopo la sconfitta di Stalingrado, pensando già alla rinascita del nazifascismo nel mondo. A tirare le fila della storia segreta della nascente repubblica italiana troviamo Pio XII, James Angleton, Felix Morlion, Lucky Luciano, Giuseppe Cambareri e molti altri, i cui nomi finalmente emergono dai National archives di College Park e Kew Gardens.

“Purtroppo i nostri studi sono stati ignorati dalla magistratura – concludono Casarrubea e Cereghino -. Nel  dicembre 2004, l’avvocato Armando Sorrentino ha presentato alla Procura della Repubblica di Palermo un corposo dossier intitolato ‘Motivazioni della richiesta di riapertura delle indagini sulle stragi del 1° maggio 1947 (Portella della Ginestra) e del 22 giugno 1947 (assalti alle Camere del Lavoro della provincia di Palermo)’, poi integrato da un supplemento consegnato nel maggio 2005. La Procura non ha ritenuto opportuno procedere. A nostro parere, una decisione molto discutibile. Il reato di strage non è soggetto a prescrizione. Gli eccidi siciliani sono da ricondurre a un disegno eversivo unico che va dalla strage di Alia (settembre ’46) alle esecuzioni di Li Puma, Rizzotto e Cangelosi, dirigenti sindacali assassinati tra il marzo e l’aprile ’48. È in quei diciotto mesi che è messo a punto il prototipo stragista che tanti lutti provocherà nei decenni successivi, da Piazza Fontana alla strage di Bologna”.

Lupara nera offre una chiave di lettura nuova per la storia recente di una nazione a perenne sovranità limitata. Un testo indispensabile alla comprensione dell’Italia di ieri e, soprattutto, di oggi.

Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino

Partinico (Palermo), 1° luglio 2009


Indice del volume

Nuovi gendarmi

I

LA “RETE INVASIONE” NAZISTA IN ITALIA

La nave dei pazzi

La “Rete Invasione”

Il ventre nero del Mezzogiorno

L’organizzazione “Cypresse”

Uno, nessuno, centomila

II

LA “SANTISSIMA TRINITÀ”

La “Santissima trinità”

Lucky Luciano e la nascita di “Cosa Nostra”

Identità di un killer

Spie in Vaticano

L’esercito della vergogna

“Operazione Sicilia”

“Stay behind” a tre punte

I Far, “Turiddu” e i terroristi neri

III

“I COMBATTENTI DELLA LIBERTA'”

Una democrazia bloccata

Segnali di fumo

Democratici eccelsi

Marlowe all’italiana

Tintinnar di sciabole

Il ritorno di ‘Charlie’

A quattr’occhi

La quadratura del cerchio


Gli autori

Giuseppe Casarrubea è scrittore e storico siciliano. Per Sellerio ha scritto Intellettuali e potere in Sicilia (1983). È autore di Portella della Ginestra (Franco Angeli, 1997). Per Bompiani ha pubblicato Storia segreta della Sicilia (2005) e con Mario J. Cereghino Tango Connection (2007). È presidente dell’associazione “Non solo Portella” e dirige a Partinico l’archivio “Giuseppe Casarrubea”, dedicato alla memoria di suo padre.

Mario J. Cereghino si occupa di archivi britannici e statunitensi. Collabora con il quotidiano La Repubblica. Per Bompiani ha pubblicato con Vincenzo Vasile Che Guevara Top Secret (2006), con Giuseppe Casarrubea Tango Connection (2007).

Info

Associazione “Non solo Portella”

www.casarrubea.wordpress.com

Giuseppe Casarrubea

091.8907124  –  349.7326198

giuseppe.casarrubea@alice.it

Mario J. Cereghino

338.4257736

mariocereghino@hotmail.com

Ufficio stampa Bompiani (Frida Sciolla)

02.50951

Casa Editrice Bompiani

Per leggere il documento sul giudizio di Churchill clicca qui sotto:

Churchill: L’Italia, un paese a sovranità limitata

Per leggere i documenti originali su ” L’Italia del 1947 negli Archivi di Kew Gardens ” clicca qui sotto:

l’Italia del 1947 nei doc. di Kew Gardens

Un documento sulla cospirazione di membri del governo De Gasperi con i capi del neofascismo:

la cospirazione di membri del governo De Gasperi (8 ottobre 1946)

la cospirazione di membri del governo De Gasperi (8 ottobre 1946)

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in CASARRUBEA, DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Lupara nera

  1. Elio Cossu ha detto:

    Buongiorno.
    So di una edizione a 9,50 €.E’ corretto oppure sono intervenute variazioni?
    Grazie e saluti.

    • casarrubea ha detto:

      Caro Cossu,
      anch’io ho notato che qualche agenzia riporta degli errori. Il libro non consta di 170 pagine ma di 496 e il costo non è di 9,50 ma di 16,00 euro.
      Evidentimente i curatori dell’informazione non si sono accertati sufficientemente su pagine e costi, orientandosi sulla stampa e sul prezzo di copertina di precedenti volumi.
      Spero, comunque, che il fatto non pregiudichi il Suo interesse per l’opera.
      Cordialmente
      Giuseppe Casarrubea

  2. Germano Bonora ha detto:

    ASPETTAVO DA TEMPO UN’OPERA COSIFFATTA. SPERO DI TROVARLA OGGI STESSO IN LIBRERIA PER ACQUISTARLA E MEDITARLA.
    GRAZIE AGLI AMICI AUTORI
    GERMANO BONORA

  3. floreana ha detto:

    Corro a comprarlo!

    (mi sono permessa di con-dividere un articolo dell’avv. Tomanelli, circa il rischio che corre la memoria storica su internet)
    Grazie

  4. casarrubea ha detto:

    Cara Floreana,
    leggo la tua valutazione su due livelli. Il primo è che la storia è quasi del tutto assente in internet; il secondo è che i documenti storici possano subire alterazioni e manipolazioni varie attraverso internet. Nel caso del vuoto di memoria presente anche nel sistema orizzontale della comunicazione è vero che si possa correre il rischio di vivere solo dell’oggi e di sminuire l’importanza che internet può avere anche per la consapevolezza delle persone. Così faremmo tutti il gioco del grande manovratore, battendo sui cliché della quotidianità nuda e cruda. Quanto alla documentazione ostensibile mi pare determinante che finalmente si possa accedere, anche da casa propria, ad atti che altrimenti occorrerebbe andare a rintracciare in luoghi lontani e spesso non accessibili. E’ quello che stiamo facendo col nostro archivio dei servizi di intelligence stranieri e italiani, le cui carte sono state rintracciate spesso (ti ricordi i famosi armadi della vergogna?) in luoghi idonei alla loro distruzione (ambienti umidi, sottoscale piene di muffa, ecc.). Ma dico queste cose che so che tu condividi. Il potere ha spesso la coscienza sporca e tende a rimuovere tutto ciò che lo turba. E’ un mostro e vuole essere santificato.
    G.C.

  5. Carlo Gubitosa ha detto:

    Complimenti per questo imponente lavoro, e’ curioso vedere come tanti eventi cruciali della storia contemporanea e della cronaca odierna ruotino attorno a Partinico.

  6. Roberto ha detto:

    Complimenti per il vostro lavoro.la vostra luce illuminira silenzi
    di anni di buio.
    vado subito a comprarlo.
    a tutti:PassateParola

  7. casarrubea ha detto:

    A Carlo dico soltanto che non dimentichi mai che Partinico è stata una capitale della mafia e che qui visse Frank Coppola, alias “Tre dita”, il primo grande trafficante di droga nella storia della mafia internazionale. Ma Coppola, poi “re di Pomezia” fu anche uno dei fondatori delle relazioni di potere tra “Cosa Nostra” e le istituzioni.

  8. Rosario ha detto:

    Comprerò sicuramente il Vs. libro e lo leggerò con interesse. Sono certo che ritroverò alcune cose, magari approfondite alla luce di nuove informazioni, già trattate e scritte da uno Scrittore-Giornalista che ho avuto modo di conoscere di persona (era un buon amico di famiglia) in gioventù.
    Cordiali saluti ai due Autori.
    Rosario

  9. Rosario ha detto:

    Dimenticavo: lo Scrittore-Giornalista a cui ho fatto cenno si chiamava Michele Pantaleone. E’ stato completamente dimenticato ma resto convinto che i Suoi libri siano particolarmente interessanti.
    Cordialmente, Rosario

  10. Aldo ha detto:

    Credevo di saperne già abbastanza su mafia, e sui rapporti con la politica.
    I vostro libro mi ha insegnato come la nostra storia riesca sempre a soprenderci: in quale libro di spionaggio si sarebbe riusciti a mettere un intreccio del genere? Eversione, mafia, spie di tutti i campi, politica…

    Unico difetto, l’intreccio di personaggi, di fonti e documenti rende difficile orizzantarsi, nelle pagine.

    Me chiedo se anche la Sicilia di oggi, continui ad essere terra di laboratori politici (e penso alle alleanze sinistra e destra).
    Saluti
    Aldo Funicelli

    • casarrubea ha detto:

      La ringrazio per la sua generosità. Lei ha ragione, ma non potevamo evitare il riferimento alle fonti e ai personaggi che si aggirano come fantasmi in questa nostra storia di stragi e di delitti. Purtroppo le esigenze di scientificità contrastano spesso con le vulgate di facile acesso al grande pubblico. Ci siamo semplicemente sforzati di cercare la verità. A scapito magari di una facile lettura narrativa.

  11. Pingback: lavoro culturale – Giovanni Spampinato: nel tunnel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...