Notabili secondo Jasper

Antonio Gava

Antonio Gava

Nel dicembre 1968 il console britannico di Napoli – R.L.D. Jasper –  redige un corposo dossier nel quale analizza “l’arretratezza del sistema politico nell’Italia medirionale”.

L’ambasciata britannica, poco dopo,  rileva che “purtroppo  i caratteri descritti nel documento sono radicati anche nella mentalità e nelle abitudini del governo di Roma”.

Sotto la lente di ingrandimento di Jasper e dei suoi collaboratori, probabilmente spie di Sua Maestà, finiscono i “notabili” del Sud. Sono loro a decidere i destini di mezza Italia: Moro in Puglia, Colombo in Basilicata, Mancini in Calabria e la famiglia Gava in Campania. Inoltre gli inglesi dedicano un paragrafo, il dodicesimo, alle ” figure umbratili dei capi anonimi della mafia nella Calabria meridionale e della camorra in Campania” .

Il documento di Kew Gardens (FCO 33/636 ), per quanto possa sembrare oggi scontato,  è una delle prime valutazioni di alto livello politico su una realtà, le mafie meridionali, di cui si negava persino l’esistenza in quegli anni. Ne fece le spese il sociologo triestino Danilo Dolci, trattato dalla stessa Commissione antimafia nazionale come un pazzo o un visionario, all’inizio di quel turbolento decennio.

MAFIA E NOTABILI AL SUD SECONDO GLI INGLESI

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...