Quando l’amore era amore

Riprendiamo dal sito Facebook di Lu Agnello questa interessante riflessione su “Scarborough Fair” di Simon e Garfunkel, un canto che presenta risvolti storici ed elementi di struggente valore artistico.
“Scarborough Fair”: dal testo originale alla traduzione della versione di Simon & Garfunkel.

La Fiera di Scarborough. Immagine del 1893

La Fiera di Scarborough. Immagine del 1893

“Il brano, uno dei più famosi di Simon & Garfunkel, è tratto da una ballata inglese di epoca medievale, che il celebre duo folk ha ripreso (in parte) e arrangiato magistralmente, facendone un classico intramontabile, intervallando le parole originali con altre composte da Simon & Garfunkel (Canticle), di chiara impostazione pacifista, che si pongono a contrasto con la vecchia ballata.
Ma cosa andava a fare il protagonista alla fiera di quella città, e perché erano così importanti prezzemolo, salvia, rosmarino e timo, le spezie citate nell’inciso del brano (parsley, sage, rosemary and thyme)?

Le due canzoni intervallate, sullo stesso bellissimo tema musicale della ballata tradizionale, mettono a confronto una immagine di guerra senza senso (sono gli anni della guerra del Vietnam) con le semplici parole della ballata tradizionale, che rimandano ad un mondo sereno ed equilibrato, anche se non mancano le pene d’amore, quasi un obiettivo, un mondo lontano e felice da riconquistare.

La canzone originale: Si tratta di una canzone che parla di un abbandono e di un amore impossibile. Il personaggio che canta i versi chiede alla sua amata una serie di prove impossibili, ma molto domestiche, in linea con la ispirazione e la ambientazione popolare del testo, come presupposto perché il loro amore possa avverarsi. Le prove quindi sono per la donna, così come addirittura è la donna che alla fine dovrebbe chiedere la mano all’amante che le chiede le prove d’amore.
Poiché siamo nel periodo dell’amore angelicato, dell’uomo disposto ad adorare e ad aspettare per tutta la vita la sua amata, e questa poetica influenzava anche la canzone popolare, che dalle arie nobili traeva ispirazione, è probabile che si tratti di una inversione. In altre parole la canzone parla di una serie di situazioni paradossali e impossibili proprio per significare poeticamente che l’amore è finito, è impossibile, l’abbandono è consumato, o forse c’è un impedimento esterno insuperabile, lei è promessa ad un altro, o è già sposata, quanto viene chiesto non potrà mai essere realizzato, e quindi questo è un modo poetico di congedarsi da questo amore infelice. Lasciando però una speranza, una porta aperta, con il bellissimo verso “L’amore richiede prove impossibili / ma nulla di più di quanto chiede ogni cuore”: in altre parole l’amore non è razionalità, tutto è possibile, anche l’impossibile, e quindi forse da questo messaggio all’amata nascerà veramente “un vero amore” per il romantico trovatore medievale.

E infine: perché l’ambientazione e il riferimento alla fiera? Era un tempo di comunicazioni scarse, e la fiera, soprattutto se così lunga, era uno strumento di comunicazione. Il protagonista ha incontrato un viaggiatore che sta andando alla fiera, lui evidentemente ne è lontano, o non può andarci di persona. La sua amata forse vive lì, forse anche lei dovrà andare alla fiera, per il suo lavoro, per accompagnare la sua famiglia o per qualche altro motivo. E’ il tema quindi del messaggio affidato a un messaggero d’amore, un viaggiatore, un commerciante che, forse e se la fortuna vorrà, arriverà all’amata, non essendoci telefoni, telefonini o e-mail per raggiungerla in modo più agevole.

***************

Stai andando alla Fiera di Scarborough?
prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
ricordarmi alle persone che vivono là
lei un tempo era un vero amore per me

Dille di cucirmi una camicia di lino
prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
senza giunture e senza usare l’ago per cucire
e lei sarà un vero amore per me

Dille di cercarmi un acro di terra
prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
tra l’acqua salata del mare e la sponda
e lei sarà un vero amore per me.

Dille di mettere il raccolto in un sacchetto di pelle
prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
e di legarlo tutto assieme in un mazzetto di erica
e lei sarà un vero amore per me.

Stai andando alla Fiera di Scarborough?
prezzemolo, salvia, rosmarino e timo
ricordarmi alle persone che vivono là
lei un tempo era un vero amore per me.

******************

Canticle

Sulla costa di una collina nel verde profondo della foresta
seguendo un passero sul suolo innevato
(sotto) coperte e lenzuola un bambino di montagna
dorme incurante dei clamori che chiamano
sulla costa di una collina, una spruzzata di foglie
sparse sul terreno con così tante lacrime
Un soldato smonta e pulisce un fucile
grida di guerra, infiammano di luce scarlatta i battaglioni
i generali ordinano ai loro soldati di uccidere
e di combattere per una causa che hanno dimenticato da molto tempo

Concludendo: vi invito ad ascoltare il brano digitando: http://www.youtube.com/watch?v=SfqpAWPx6T4&feature=player_embedded

Buon ascolto!

(da Musica e Memoria di Alberto Truffi)”

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Società. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...