Presentazione ‘Lupara Nera’

processo a Junio Valerio Borghese,1947

processo a Junio Valerio Borghese,1947

LOCANDINA FELTRINELLI (1)

LIBRERIA FELTRINELLI

VIA CAVOUR PALERMO

MARTEDI’ 3 NOVEMBRE ORE 18

PRESENTA

ENRICO BELLAVIA

Che ruolo svolsero i servizi segreti americani nell’Italia degli anni ’43-’47? Le gerarchie vaticane spinsero per una svolta antidemocratica in risposta alla “minaccia comunista”? E lo spionaggio nazifascista cessò di operare nella primavera del ’45?

A più di sessant’anni dalla fine del secondo conflitto mondiale, Casarrubea e Cereghino analizzano migliaia di documenti dell’intelligence angloamericana, desecretati tra il 2000 e il 2009 e tracciano una storia rimasta sepolta per decenni negli archivi dell’Office of strategic services statunitense – l’antenato della Cia –  e del War office britannico.

N.B.: per saperne di più vai all’home page

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in Cultura e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Presentazione ‘Lupara Nera’

  1. germana ha detto:

    Complimenti Giuseppe! Ciao. Germana

  2. antonella monastra ha detto:

    Apprezzo molto il tuo lavoro e spero di poter venire così, dopo tanto tempo, ci incontriamo
    Antonella Monastra

  3. francesco bucceri ha detto:

    Notizie inedite e sconvolgenti che non vengono prese in considerazione dai media nazionali.
    Vogliono (quasi) tutti lasciarci nell’oscurità delle menzogne sedimentate negli anni.
    Ricordo di aver letto tempo fa qualche scritto di Michele Pantaleone anche lui, inascoltata voce che gridava nel deserto.
    Adesso con questi documenti disponibili succederà lo
    stesso???

    A CHI GIOVA TUTTO QUESTO ???

    Fate un ottimo lavoro. Continuate così.

    p.s. purtroppo non tutti hanno la possibilità di accedere in libreria, quindi, quando possibile, cercate di pubblicare sul sito. Grazie

    f. bucceri

  4. Maria dele Cipolla ha detto:

    carissimi,
    verrò e spero di riuscire a sentire qualcosa perché poi alle 19,20 ho la lezione d’Inglese, comunque ho già letto il libro e mi ha coinvolta moltissimo, è molto denso e ricco di informazioni, più difficile da seguire degli altri che avete scritto. Comunque molto interassante e a tratti (almeno per me e per i riferimenti a persone che conoscevo) veramente… sconvolgente. In ogni caso un grosso in bocca al lupo,
    Maria Adele Cipolla

  5. Maria D'Asaro ha detto:

    Complimenti, per il tuo lavoro di indagine storica!

  6. Gaetano Pagano ha detto:

    Ci sarò. E spero d’incontrarti per riprendere il discorso sul corso da avviare sulla storia siciliana.
    Gaetano Pagano

  7. pietro ancona ha detto:

    Caro professore,

    dobbiamo esserti grati per averci dato una nuova idea della storia della sicilia facendola finalmente diventare una parte di un tutto nazionale ed internazionale. Credo che dopo “Lupara Nera” il teatrino siciliano della storia cede il posto ai grandi movimenti che determinano le scelte e che ci includono in uno scenario. Davvero straordinarie le cose che ho saputo stasera sentendoti alla Feltrinelli.
    Hai citato ad un certo punto l’avvocato Vito Guarrasi. Mi sono ricordato che eletto segretario regionale della cgil per la componente socialista venni a Palermo nel gennaio del 64 (ero stato eletto con Pio la Torre due anni prima)per svolgervi l’attività alla quale ero stato chiamato. Era pochi giorni dopo la scissione del PSIUP che aveva letteralmente svuotato il PSI della sua componente sindacale. Segretario regionale della CGIL era Feliciano Rossitto. Subito scoprii che era un fan dell’avvocato Vito Guarrasi. Lo considerava un genio ed un uomo del destino per la Sicilia cosa che mi sorprese essendo io giovane e settario e poco propenso a dare credito a persone “esterne” alla sinistra. Rossitto volle che io conoscessi Mimi La Cavera, presidente della sicindustria da lui fondata in opposizione alla cosidetta calata dei monopoli (una cazzata colossale di autarchismo).
    Andai a trovare Mimi La Cavera e scoprii che aveva grande stima (come Rossitto) di Vito Guarrasi.
    La cosa mi è venuta in mente perchè ho considerato l’esperienza milazziana alla luce per me inedita delle cose che hai detto sulla sicilia e sulla trinità. Quale ruolo ha avuto il milazzismo? Rispetto la trinità che ruolo ha avuto il PCI?
    Buon lavoro ed auguri per la tua straordinaria attività di storico della microstoria che spiega la grande storia…..
    Pietro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...