Interrogatorio nazista a via Tasso

I documenti che presentiamo
in questo post provengono dal Museo Storico della Liberazione di via Tasso
(Roma) e sono consultabili presso l’archivio del Museo
stesso.

www.viatasso.eu

Bianca Riccio, a destra, con la madre e la sorella Nicoletta

Ricorre domani il 66° anniversario dell’arresto di Maria Adelaide Tucci, sposata Riccio, vivandiera e portalettere degli ufficiali della Regia Marina che hanno aderito al governo del maresciallo Badoglio, e che, pertanto,  sono perseguitati dalle truppe tedesche a Roma.

E’ il 18 febbraio 1944 quando le SS, guidate da Erich Priebke e seguite da due repubblichini, si presentano a casa della donna.  Forzano la porta e irrompono nell’appartamento. Dopo poche ore la signora, appartenente alla borghesia  di tradizione monarchica della capitale, è già in via Tasso al cospetto di  Herbert Kappler.

Qui è sottoposta a  vari interrogatori. I nazisti cercano “un taccuino nero zeppo di nomi, indirizzi e notizie sulla resistenza della Regia Marina a Roma e dintorni”.   Non cavano, però,  un ragno dal buco e così, dopo 56 giorni di prigionia,  il 16 aprile 1944, “Milaide” è liberata grazie alla provvidenziale intercessione di  Trude Zeiss, una tedesca amica della famiglia Riccio, ma anche di Herbert Kappler.

Ecco in pdf il racconto della figlia Bianca, pubblicato dal quotidiano l”Unità il 13 maggio 1994:

Il racconto di Bianca Riccio 1

Il racconto di Bianca Riccio 2

*

Via Tasso, da Life

Per leggere il testo integrale della Memoria scritta da Maria Adelaide Riccio nel maggio 1970, clicca qui sotto:

Memoria di Maria Adelaide Riccio

scheda su Tullio Riccio

Questi due documenti  ci sono stati segnalati da Alessandra Baduel e riguardano la storia della sua famiglia, in particolare della madre e della nonna.     Alessandra Baduel, giornalista del quotidiano la Repubblica, è, infatti, figlia di Bianca Riccio e nipote della signora Maria Adelaide Tucci in Riccio. La ringraziamo vivamente per la preziosa opportunità che ci ha fornito.

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in DOCUMENTI STORICI, Politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Interrogatorio nazista a via Tasso

  1. massimo ha detto:

    Salve, con estremo interesse sto leggendo il suo blog. Ne ho aperto uno anche io dopo aver ritrovato in cantina la corrispondenza fra i miei nonni. Va dal 1939 fino al 1944. Le ultime lettere sono quelle di mio nonno trasferito da via Tasso a Regina Coeli. Si interromperanno il 24/3. Le sarei grato se mi potesse dare qualche consiglio su come impostare il blog poichè sono molto ignorante in materia. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...