Le ginestre di Portella

Portella della Ginestra (2008, foto Archivio Casarrubea)

Prepariamoci, come succede da sessantatre anni, al nuovo equivoco di una memoria tradita. Gli oratori hanno già scritto i loro interventi e la banda musicale, che da Piana  degli Albanesi sale al pianoro suonando gli inni dei lavoratori, ha messo a punto il suo repertorio. Sempre lo stesso.

Qui, ciò che rimane dei morti, guarda la folla plaudente, ormai ammansita dopo tanti decenni di silenzi e di omertà, di vittime che si accumulano su altri caduti, di piccole e grandi carriere imbastite sui nomi gridati al vento,  dal Sasso di Barbato, trionfante sulla valle che scompare ai piedi del Kumeta,  sotto l’occhio maligno e invisibile della Pizzuta.

*

I morti. Se potessero risorgere e parlare, agiterebbero nell’aria le loro fruste, alzerebbero in alto le loro braccia  sanguinanti e minacciose, urlerebbero inorriditi dallo scempio e dalla dissacrazione, dal facile commercio di quella tragedia, dal silenzio fatto calare come un macigno sulla verità che grida ancora vendetta.

A Portella della Ginestra i predicatori del nulla hanno compiuto il miracolo. La recita è scontata. I morti hanno ucciso altri morti, hanno fatto scempio del loro sangue e delle loro ossa. Li hanno poi nascosti lontani da occhi indiscreti, perchè nessuno sapesse, nessuno udisse il grido di vendetta, che veniva dalla loro polvere, dalla loro voluta inesistenza, dalla loro forza terribile. Morti e oratori, binomio inseparabile. I primi con la loro imponenza, il loro sacrificio, le loro ombre di divinità protettive; gli altri con i loro riti pagani, il loro falso vivere nel presente, la loro vuota oratoria pronta a svanire con il sole del 1 maggio. E con la loro negazione della verità. O meglio, con la presunzione della verità.

*

Portella della Ginestra (2009, Archivio Casarrubea)

Vado ogni anno a Portella della Ginestra e provo sempre la stessa sensazione. Il luogo è evocativo di suggestioni e ricordi;  ha in sè qualcosa di magico e di profondo. Tutto qui ha un suo linguaggio e una sua sacralità come se i massi, le colline, le montagne narrassero una storia  antica, lontana nei secoli e nello stesso tempo a noi molto vicina. Ci ricorda lo Stato che nasce, patrigno e maledetto, con i suoi riti sacrificali alle divinità pagane di un antico impero.

Portella della Ginestra è l’atto di nascita di questo Stato, la punta più virulenta di un percorso di morte che comincia con i morti e finisce con altri morti.

*

Un fatto unico, continuo, strategia perversa di decapitazione di capilega e di semplici lavoratori, responsabili solo di essere o di apparire espressioni della nascente democrazia italiana. Dalla strage di Alia che il 21 settembre 1946 fece saltare in aria con bombe e mitra la sede della Federterra, all’uccisione di Nicolò Azoti, segretario della Camera del Lavoro di Baucina; dall’assassinio di Accursio Miraglia alla strage  del 7 marzo 1947 a Messina, quando i carabinieri spararono sulla folla e uccisero tre lavoratori inermi che volevano solo pane e lavoro; da Portella della Ginestra agli assalti contro le Camere del Lavoro della provincia di Palermo (22 giugno ’47) con altri morti e feriti.

*

Portella 1° maggio 1948 (Archivio Casarrubea)

Morti ignorati dai falsi predicatori dei podi, dei pulpiti dei comizianti, dal Sasso di Barbato. Ma se i morti potessero resuscitare e potessero parlare di quei mesi, sarebbero loro il tribunale inesorabile non solo contro i veri autori delle stragi, i pugnalatori della democrazia in festa, dei lavoratori che si battevano per i loro diritti; ma sarebbero anche loro i fustigatori di quanti hanno affossato la verità, scartato la forza della ragione, ostruito le vie di quanti si sono messi a salire i sentieri scoscesi che portano ai carnefici, agli armadi della vergogna. Ma i morti  non hanno potere. I morti di Alia,  Baucina, Sciacca, Messina, Portella, Partinico continuano ogni anno a morire una seconda volta. Con le speculazioni, i falsi poeti, i teatranti, le comparse, le sigle democratiche e antimafia, gli stendardi e i gonfaloni, gli improvvisati storici, quelli che ci raccontano il falso basandosi sulle opinioni e non sui documenti; quelli che fingono ritiri spirituali per partorire pura retorica. Nuovi attori che non sanno. Non vogliono sapere.

*

I  giudici unificarono i processi per le stragi del ’47, ma i comizianti fingono di non saperlo.  Persino gli editori sindacali di corso d’Italia, a Roma, sembrano entrati in un sonno profondo. Così sappiamo come si possa gridare contro altri morti: ignorati, emarginati, scartati.  Astuta e barbara rimozione per un primato: il quieto vivere. O la ragion di Stato. Togliatti vietò al senatore Montalbano di dire la verità in Parlamento; temeva che si rompessero gli equilibri tra maggioranza e opposizione; Luciano Lama  non intervenne per commemorare  i morti di Messina, nel primo anniversario della strage. All’ultimo minuto si tirò indietro. Qualcuno presentò una denuncia contro l’ispettore capo di polizia che nel ’47 aveva la responsabilità dell’ordine pubblico in Sicilia, ma la denuncia si perse; il ministro dell’Interno Mario Scelba, a meno di ventiquattro ore di distanza dalla strage di Portella, disse che quello non era un delitto politico, e tutti i tribunali si orientarono verso un unico capro espiatorio.  Quella fu e rimase la verità tombale. Alla faccia degli straordinari ritrovamenti archivistici in America e in Europa, dopo il 2000.

*

La Corte di Assise di Viterbo a Portella della Ginestra

A Portella incontro sempre due anime. La prima, burocratica, sindacalese, senza ricordi e senza vita, sicura di verità date, retorica. Incontro la nomenclatura, l’apparato, come le autorità comuniste nelle sfilate del primo maggio, nei paesi del socialismo reale, prima del crollo del muro di Berlino. La seconda consapevole del dubbio, arrabbiata, giovane, che si interroga, muta e angosciata. A Portella trovo la mia ricchezza e le parole vuote. I silenzi  che parlano da soli e il delicato profumo delle ginestre che mi riempie di speranza. Ascolto il silenzio, respiro l’aria, guardo i sassi e le montagne, e poi, prima che qualcuno dal podio cominci ad abbaiare, me ne vado, triste e contento come ogni anno. Tutto quello che qui si dice, ormai, non appartiene più ai disoccupati, ai contadini, agli operai che hanno perso il posto di lavoro. Tutti abbandonati al loro destino da una sinistra inetta e suicida. Sensibile, però, ai nuovi equilibri parlamentari dettati da una destra rabbiosa di matrice neofascista. Ma anche alle sirene di Lombardo nell’isola.

A Portella una sola cosa è possibile fare. Ascoltare il vento leggero, sentire l’erba e le nuvole, udire con nuove orecchie l’urlo delle pietre che ancora gridano ciò che hanno visto con la complicità di tutti quelli che si sono avvicendati a recitare ogni anno la loro parte di vuota testimonianza.

Portella dovrebbe essere il sacrario di una folla muta in ascolto non delle voci dei vivi, ma di quelle dei morti. (GC)

Leggi l’articolo ripreso dall’ANPI nazionale:

L\’articolo \”Le ginestre di Portella\” ripreso dall\’ANPI nazionale

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, bandito Giuliano, DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Le ginestre di Portella

  1. Pingback: Primo maggio. Portella della Ginestra. Democrazia e lavoro?

  2. LUIGI FICARRA ha detto:

    Ritengo opportuno riportare due passi dell tua nota, il primo molto significativo che dà il quadro della questione : <>; ed il secondo che torna a deninciare, come fatto sin da allora, che <>.
    Agggiungo le seguenti considerazioni.
    Il vasto movimento di massa sviluppatosi in Sicilia nel secondo dopoguerra, nelle campagne e nelle città, movimento che lottò per l’emanazione dei decreti Gullo del 1944, che disciplinavano l’assegnazione delle terre incolte dei feudi alle cooperative, e poi per raggiungere l’accordo sindacale del novembre 1946 relativo alla piena applicazione degli stessi decreti, costiituì, al pari del grandioso movimento dei Fasci Siciliani di fine ‘800, una rottura nella storia siciliana ed italiana rispetto al passato. Contro il suddetto movimento di massa del secondo dopoguerra gli agrari e le forze di destra scatenarono il terrorismo politico-mafioso: 36 sindacalisti assassinati dal novembre ’46 all’aprile 1948, fra i quali il sopra ricordato Miraglia, a Sciacca, il 4.1.’47, e Rizzotto, a Corleone, il 10.3.1948.
    La rottura del sistema feudale e del blocco sociale degli agrari, che fu dominante nell’era liberale: 1861 – 1922, e poi in quella fascista; l’assegnazione diretta delle terre, come richiesto dal movimento di massa, alle cooperative, non al singolo contadino, come tale isolato e facilmente attaccabile; costituiva una minaccia mortale per la sopravvivenza economica (i gabellieri ed i campirei) della mafia, e pure politica: controllo del territorio. Per questo, conniventi e mandanti, come detto gli agrari e le forze politiche di destra e moderate, si scatenò il terrorismo politico – mafioso. Il 20 aprile 1947 aveva vinto, alle elezioni regionali, il Blocco del Popolo (comunisti e socialisti), e subito dopo, per creare terrore nella popolazione e determinare un riflusso politico verso il blocco di centro, come hai magistralmente spiegato nei tuoi libri, venne organizzata e consumata dalla mafia, il 1° maggio 1947, con la partecipazione dei servizi USA (CIA) e dei fascisti della Decima Mas di Borgese, e con la copertura politica del ministero degli interni, la prima strage di Stato, quella di Portella delle Ginestre.
    Tutti gli assassini compiuti nel dopoguerra dalla mafia restarono impuniti: non si sono voluti ricercare i colpevoli, come, ad esempio, è evidente come il sole nel caso Miraglia. E va ricordato, specie a chi ignora la storia, che nel periodo liberale, 1860-1922, gli alti magistrati li nominava il governo; e così pure in quello fascista.
    La connivenza piena della magistratura col potere politico durò sino agli anni ’60.
    I vertici giudiziari continuarono, sino ad allora, ad essere occupati da magistrati compromessi col vecchio regime fascista.
    Sono gli anni dei “processi alla Resistenza”, dell’impunità per tanti gerarchi fascisti, della teorizzazione, da parte della Cassazione, cui l’avvocatura del tempo s’inchinava, delle norme della Costituzione come meramente programmatiche-di indirizzo, gli anni dell’armadio della vergogna: 695 fascicoli relativi ad eccidi compiuti da nazisti e fascisti, messi ben a dormire, con un provvedimento di “archiviazione provvisoria”della procura militare di Roma; archiviazione durata invece qualche decennio.
    Va citato al riguardo un nome molto significativo : Luigi Colli, Procuratore generale presso la Corte di Cassazione, dirigente primario dell’Unione Magistrati Italiani, che viene nominato da Sogno Edgardo, nel libro intervista in cui questi confessa di aver preparato il golpe politico militare del 1974, come aperto sostenitore “della necessità di rovesciare il regime cattocomunista con ogni mezzo”.
    Va infine ricordato che in Sicilia – ne parla Giuliana Saladino in “Romanzo civile” – il Procuratore generale presso la Corte d’Appello di Palermo passeggiava in via Ruggero VII assieme al capo della mafia, perché tutti sapessero dove stava il potere di comando della società, e si adeguassero.
    -Una domanda pongo: su quali dati poggia la censura da Te mossa al comportamento attribuiuto a Togiatti nel ’47.
    avv. Luigi Ficarra

  3. Pingback: Notizie dai blog su Portella della ginestra: vittime innocenti ancora senza giustizia

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...