Giuliano: è morto che parla?

 

 

Il passaggio dello Stige (Eugène Ferdinand Victor Delacroix)

 

Diceva Alcide Cervi, al quale i nazifascisti avevano ammazzato sette figli, che se avesse potuto fare l’amministratore del suo Comune, avrebbe certamente scelto di essere assessore ai cimiteri. Perchè, spiegava, niente è più formativo della memoria del passato. Quando le tombe parlano ai vivi e suggeriscono loro le strade da percorrere per un futuro migliore.

Nell’Inferno dantesco, alcuni morti di Dite, la città del fuoco eterno, se ne stanno con i sepolcri scoperchiati e si ergono ansiosi di parlare. Sembrano, anzi, quasi supplichevoli nei confronti di quei due strani vagabondi che si avventurano nel mare di fuoco che li circonda.

 

Farinata degli Uberti

 

Sono, almeno nell’immaginario letterario, eretici come Farinata degli Uberti e Cavalcante dei Cavalcanti, morti che parlano alla Ragione e  favoriscono il miglioramento dei costumi della sempre più numerosa società dei vivi. Morti illustri, con interlocutori dall’udito raffinato, tutt’altro che ciechi in un mondo di uomini che si ritengono vivi.

Al polo opposto, tra i morti meno illustri, uno dei più loquaci è il terrorista nero Salvatore Giuliano. Parla molto male in vita con il linguaggio che gli fanno usare. E da “morto” non smette di fare miracoli, indicando a chi ha occhi per vedere e orecchie per sentire, alcune immagini e alcune voci che purtroppo non furono nè viste nè ascoltate ai suoi tempi. E’ vero che le circostanze della presunta morte del bandito, che si sarebbe verificata  la notte tra il 4 e il 5 luglio ’50, nel cortile dell’avvocato Gregorio De Maria, a Castelvetrano, sono state da sempre avvolte nel mistero.  Volutamente. Ma è anche vero che spesso il ricorso al mistero è servito a coprire i mascalzoni e che nel nostro caso, se molti sono i lati oscuri, altri sono ben messi in evidenza al momento dell’evento tragico che avrebbe determinato in modo più o meno plateale, l’improbabile trapasso del capobanda monteleprino. Bastava indagare per capire. O evitare di coprire i misteri con l’omertà, come, crediamo, ancora oggi, qualcuno tenta di fare quando non ce ne sarebbe più la ragione.

 

Inferno Canto 8. Sbarco davanti alle mura di Dite (Gustave Dorè)

 

Per vari motivi: la scarsa credibilità del racconto ufficiale del conflitto; perché molti capirono subito che quel corpo giacente in quel cortile era stato lì collocato, come in una spettacolare messa in scena degna di un film western; e, ancora, perché non pochi intuirono che tra quel “morto” e quell’altro che si sarebbe poi visto nell’obitorio, non pochi erano i particolari che lasciavano supporre che  si trattava di due corpi diversi. Bastava interrogarsi. Ci siamo trovati invece di fronte a un giallo italiano  durato sessant’anni, che continua ad appassionare anche per la sua coincidenza con le origini della storia della nostra Repubblica. Un giallo che solo l’esame del Dna sarà in grado di risolvere. Una volta per tutte, si spera.

Del chiaro indirizzo che la Magistratura di Palermo ha dato alla vicenda,  sono soddisfatti finalmente i familiari delle vittime. Ritengono che la decisione dei Magistrati si muova nella direzione giusta per arrivare a individuare, nonostante il lungo tempo trascorso, responsabili e fiancheggiatori di una operazione tra le più inquietanti e criminali della storia democratica del nostro Paese. Prima, l’attacco terroristico alle forze più rappresentative del tessuto popolare dell’Italia; dopo, la messa in salvo degli artefici che ne avevano provocato gli esiti più tragici, come le stragi di Portella della Ginestra, del 22 giugno 1947 e di Bellolampo (1949).

Con la messa in scena di Castelvetrano, il principale protagonista di queste vicende, come di centinaia di altri delitti rimasti da sempre coperti e impuniti, evitò di fatto di affrontare il processo di Viterbo e di essere raggiunto dalla giustizia. Processo che era iniziato nel giugno 1950, cioè poche settimane prima del fatidico 5 luglio. E non a caso fu subito rinviato sine die. Perchè? Provate ad immaginare la scena. Con Giuliano vivo che piomba all’improvviso nell’aula di Viterbo per raccontare la sua verità. Roba da far saltare ministri, governi, apparati dello Stato e dell’Intelligence di mezzo mondo. Ecco perché è doverosa ed encomiabile l’azione che stanno svolgendo i Magistrati della Procura di Palermo.

Nessuno per il momento sa quali saranno gli esiti delle indagini. Tuttavia, di una cosa siamo sicuri e cioè che da qualche anno è iniziata la demolizione di un mito, la cui persistenza ha impedito agli studiosi di lavorare con serietà su uno dei periodi più tragici del Novecento italiano.  Un mito ammorbante e scandaloso quello del  monteleprino “Turiddu”, classe 1922. Una vera e propria trappola per giornalisti, storici e semplici cittadini. A cominciare dalla bufala vergognosa del “Robin Hood” siciliano, che nel dopoguerra “toglie ai ricchi per dare ai poveri”.

Su Giuliano e sullo squadrone della morte da lui guidato col pugno di ferro – che imperversa dal ’43 al ’50, con attentati a bomba, omicidi e stragi  – lavoriamo da quindici  anni. Con metodo scientifico, analizzando carte, libri, saggi, testimonianze di ieri e di oggi. Perché abbiamo sempre diffidato della “storia ufficiale” e creduto in una sola guida: la metodologia del dubbio.

Non siamo stati delusi. Lo scavo negli archivi  italiani, americani e inglesi, che dopo il 2000 hanno messo a disposizione della ricerca milioni di documenti dei Servizi di intelligence sugli anni Quaranta, ha provato che la cosiddetta banda Giuliano era in realtà un plotone nazifascista al servizio, prima, delle Ss di Kappler e delle Brigate Nere di Pavolini. E poi dei Servizi Usa guidati a Roma da James Angleton e da Philip J. Corso. Un branco di assassini i cui capi, dopo la strage di Portella, passarono all’incasso per poi rifugiarsi all’Estero. Alla spicciolata, impunemente, protetti da organizzazioni intoccabili. Italiane e straniere.

I dubbi che le cose, nel luglio ’50, non siano andate come ci sono state raccontate,  li abbiamo sempre avuti. E per questa ragione, alla vigilia del sessantesimo anniversario della scomparsa del bandito, il 5 maggio scorso, abbiamo scritto al Questore di Palermo, dott. Alessandro Marangoni, chiedendo di “intraprendere un’indagine conoscitiva per accertare la vera identità della persona uccisa nel cortile dell’avvocato De Maria, la notte tra il 4 e il 5 luglio 1950”.

La nostra richiesta è stata accolta e,  questa estate, siamo stati a lungo ascoltati dal Pubblico Ministero Francesco Del Bene (Procura della Repubblica di Palermo).

Ora ci avviciniamo alla verità. A quella che solo i Magistrati possono consegnarci, ben al di là della verità storica. Analoga cosa si è fatta, in altri contesti, per Caravaggio, Copernico e persino per un nazista come Martin Bormann. L’esame del Dna metterà fine a chiacchiere da bar e a illazioni giornalistiche.

Se il cadavere sepolto nella tomba della famiglia Giuliano, a Montelepre, appartenesse effettivamente a “Turiddu”, sarebbero messe a tacere per sempre le voci popolari (ma non solo queste) secondo le quali il bandito-terrorista “si  sarebbe rifugiato in America” nell’estate del ’50. Una notiza, tra l’altro, che gioverebbe non poco alla ricerca storica seria, accademica e non. Sgomberare il campo da fastidiosi boatos è sempre utile, in specie se si trattano argomenti così vicini nel tempo.

Se invece il sepolcro custodisse il corpo di qualcun altro – ad esempio, quello del celebre “sosia di Altofonte” di cui parlarono all’epoca giornalisti del calibro di Renzo Trionfera –  si aprirebbero scenari di estremo interesse, soprattutto dal punto di vista giudiziario.

Un’ipotesi, questa, che vedrebbe l’Fbi in prima linea tra Italia e Stati Uniti. E, forse, in qualche convento dell’Italia centrale, tra gli Appennini e il Mar Adriatico.

Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino

*

Di seguito, il lettore può trovare una breve rassegna dei principali articoli del blog Casarrubea sulla presunta morte del bandito di Montelepre (formato Pdf).

ARTICOLI SU GIULIANO NEL BLOG CASARRUBEA

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, bandito Giuliano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Giuliano: è morto che parla?

  1. baldassare carollo ha detto:

    ottima iniziativa, vedremo se si tratta di Giuliano dall’analisi del Dna. In caso non sia lui, che fine ha fatto? Possibile che un bandito-terrorista con il suo curriculum sia scomparso in modo perfetto nelle intercapedini dei servizi segreti per tutti questi anni?

  2. Salvatore Caruso ha detto:

    Una delle storie italiane più infamanti del XX secolo tiene ancora in sospeso troppi enigmi mai risolti. Cosa potrà aggiungere ad una verità nascosta con maestria la scoperta di un cadavere sostituito?
    Forse nel 2016, quando gli archivi ancora segreti saranno resi pubblici, forse allora si saprà qualcosa di nuovo, ma la verità, quella con la V maiuscola, rimarrà nascosta per sempre.

  3. raffaello ha detto:

    Dalla prima volta che ho letto la storia di Salvatore Giuliano le cose mi erano sembrate ingarbugliate già nella parte riguardante la morte del bandito e i controversi rapporti di Verdiani con Pisciotta fino ai meriti ascritti al Colonnello(allora) Luca circa il presunto conflitto a fuoco. Dopo Michele Pantaleone nel suo volume mafia e politica, mi apri gli occhi. Il volume del Prof Casarrubea “Storia segreta della Sicilia” e le sue innumerevoli ricerche sul caso , mi hanno ulteriormente aperto gli occhi circa i rapporti controversi tra la banda con i servizi segreti dell’epoca e tutte le varie implicazioni.Adesso se si scoprisse che nella bara non si trova il cadavere di Giuliano bensi quello di un’altra persona , Le chiedo potrebbe cambiare tutta la Storia della Sicilia del dopoguerra?

    • casarrubea ha detto:

      Ho sempre considerato la storia come una realtà dinamica. Diventa statica solo quando la trasformano in carta morta. Ma quando si evitano gli stereotipi e le vulgate sbrigative, allora si dovrebbe avere il coraggio di dire come veramente stanno le cose. Perchè gli uomini non possono continuare, specie per il loro futuro, a vivere di tutto quello che viene loro somministrato. Ecco: ciascuno dovrebbe vivere di luce propria. La storia non è posata lì. Siamo noi che la interpretiamo e la svisceriamo. Con fatica e amore.

  4. gabriele ha detto:

    ho citato il suo bell’articolo nel mio blog.

    http://estatesammartino.splinder.com/post/23496804/premiata-ditta-salvatore-giuliano.

    Saluti, e buon lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...