Giuliano ’50: orrori ed errori dei media

CON PREGHIERA DI MASSIMA DIVULGAZIONE

Cari amici,
Vi segnaliamo  un  grave errore che si trascina da vari giorni per colpa di varie agenzie di stampa, a cominciare dall’Ansa.

I mostri con Gassman e Tognazzi

Noi non abbiamo mai affermato che nella tomba della famiglia Giuliano a Montelepre “il cadavere non sarebbe quello di Giuliano ma di un sosia”.

L’Ansa, addirittura, ha scritto negli ultimi giorni che “secondo Casarrubea, il bandito in realtà sarebbe stato fatto fuggire all’estero e il cadavere esposto sarebbe di un sosia”.
Ieri sera, abbiamo avuto una lunga conversazione con il dott. Pecoraro, giornalista dell’Ansa di Palermo,  il quale ha subito rettificato la notizia errata, diramata nel tardo pomeriggio del 19 ottobre.

Ecco il testo redatto dal giornalista Pecoraro:

BANDITO GIULIANO: STUDIOSI, DA NOSTRO ESPOSTO VIA A INDAGINE

(V. ‘SALMA BANDITO GIULIANO…’ DELLE 18.21 CIRCA)

(ANSA) – PALERMO, 19 OTT – Secondo lo storico Giuseppe
Casarrubea e il ricercatore Mario J. Cereghino, la Procura di
Palermo ha riaperto il caso del bandito Salvatore Giuliano,
avviando una indagine a carico di ignoti per omicidio e
sostituzione di cadavere, con lo scopo di verificare ”una serie
di contraddizioni che emergono dai dati ufficiali relativi alla
morte del bandito”, ucciso la notte tra il 4 e 5 luglio del
1950 a Castelvetrano (Pa).
Sono stati proprio Casarrubea e Cereghino a fornire alla
Procura il 5 luglio gli elementi che hanno indotto i magistrati
ad aprire l’inchiesta e a disporre la riesumazione del cadavere,
prevista per il prossimo 28 ottobre. Per i due studiosi ”vi
sono elementi tali che e’ legittimato il ricorso all’esame del
Dna per accertare l’identita’ del cadavere giacente nella tomba
di famiglia dei Giuliano”.
Nell’esposto Casarrubea e Cereghino chiedevano ”di volere
intraprendere un’indagine conoscitiva per accertare l’identita’
della persona uccisa nel cortile dell’avvocato Di Maria
(Castelvetrano) rispondente al nome di Salvatore Giuliano,
autore di stragi e omicidi, commessi in Sicilia negli anni che
vanno dal 2 settembre 1943 e fino alla data del luglio 1950”.
”Gli scriventi – si legge – ritengono che vi sono fondati
motivi per ritenere che il cadavere ritratto nel suddetto
cortile e nell’obitorio del cimitero di Castelvetrano non siano
la medesima persona ritratta in decine di fotografie e in un
filmato del dicembre 1949 come il bandito Salvatore
Giuliano”. (ANSA).

Il 5 maggio 2010, infatti, nell’istanza presentata al questore di Palermo, Roberto Marangoni, abbiamo scritto:

“I sottoscritti […] chiedono alla S.V. di volere intraprendere un’indagine conoscitiva per accertare l’identità della persona uccisa nel cortile dell’avvocato Di Maria (Castelvetrano), la notte tra il 04 e il 05 luglio 1950, rispondente al nome di Salvatore Giuliano, autore di stragi e omicidi, commessi in Sicilia negli anni che vanno dal 2 settembre 1943 e fino alla data del luglio 1950. Gli scriventi ritengono che vi sono fondati motivi per ritenere che il cadavere ritratto nel suddetto cortile e nell’obitorio del cimitero di Castelvetrano non siano la medesima persona ritratta in decine di fotografie e in un filmato del dicembre 1949 come il bandito Salvatore Giuliano”.

Questa è una precisazione doverosa, che stiamo inviando a tutti i mezzi di informazione. Le notizie non veritiere, come si può bene immaginare, non fanno altro che apportare danno e confusione a una ricerca che conduciamo, con serietà e impegno, da oltre quindici anni.

Sarà la Procura della Repubblica di Palermo, e non certo noi o gli operatori dell’informazione, a stabilire la verità giudiziaria sui fatti che riguardano quella tragica notte d’estate, a Castelvetrano.

Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino

Partinico (Palermo), 20 ottobre 2010

RECAPITI:

091 8907124 (Archivio storico Casarrubea)

349 7326198 (Giuseppe Casarrubea)

338 4257736 (Mario J. Cereghino)

giuseppe.casarrubea@alice.it

mariocereghino@hotmail.com

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Attualità, bandito Giuliano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Giuliano ’50: orrori ed errori dei media

  1. montagnalonga ha detto:

    Giuseppe, sento la necessità di complimentarmi con Te e il dott. Cereghino, per il grande lavoro svolto e che continuate a svolgere con professionalità.
    Spesso siete motivo di discussione tra me e Maria per il grande contributo che fornite.
    Con stima.
    Luciano La Piana

    • casarrubea ha detto:

      Vedi, caro Luciano! Basta poco nella vita per essere riconosciuti: fare ciò in cui si crede e battersi per la verità. In silenzio e senza dare fastidio a nessuno. Purtroppo, talvolta, sono gli altri a sentirsi infastiditi dalla nostra fatica

  2. fabrizio trabona ha detto:

    Il vostro lavoro è prezioso, di grande interesse, per la profondità e lo scrupolo con cui viene condotto. In particolare per la ricostruzione rigorosa della trama, fittamente intrecciata, tra la fase post fascista basata sulla ‘dottrina Truman’ e il suo seguito stragista e golpista che ha colpito il paese negli anni ’70. Non può esserci alcun dubbio circa ricostruzioni sensazionaliste del vostro lavoro di cui abbiamo appreso dalla stampa. Saluti

  3. Mario.Roma ha detto:

    Oggi, 17 novembre, a distanza da molti giorni della riesumazione dei resti dalla tomba di Salvatore Giuliano, nulla è stato scritto in merito e nulla si è saputo. Sarebbe opportuno qualche comunicato in merito da voi benemeriti di questi studi e ricerche, fondamentali per la conoscenza della vera Storia d’Italia dopo la Strage di Portella della Ginestra, la madre di tutte le stragi di Stato. Grazie e buon lavoro.

    • casarrubea ha detto:

      Al momento ci sono molte persone al lavoro: dalla polizia scientifica, ai magistrati, dagli studiosi al perito medico-legale.Siamo tutti in attesa del responso della polizia scientifica sul Dna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...