Celentano e il Paradiso

Adriano Celentano

Questa sera va in onda l’ultimo spettacolo del Festival di Sanremo. Una sagra della canzone italiana, una storia del costume che meglio di ogni altro genere di rappresentazione di un popolo e della sua cultura, ci dice cosa siamo stati e cosa siamo. Mi ricordo quando un televisore bastava per tre o quattro famiglie e ci si riuniva per assistere all’evento. Era una festa e la dinamica delle azioni era costituita dallo scontro tra stili e generi. Morandi era il ragazzo simpatico che rappresentava l’amore romantico, Celentano il trasgressivo che introduceva il rock and roll in una cultura musicale ancora legata alle vecchie melodie. Ne rompeva la staticità e apriva prospettive nuove con i suoi richiami evidenti alla musica rock di Elvis Presley.

Per me Celentano non è stato solo il “molleggiato”, ma il dissacratore, la costante innovativa in una cultura mielosa, mistificatrice, sdolcinata e parolaia. Continua ad esserlo con i suoi silenzi, le attese e, poi, con l’irruenza e con la capacità di fascinazione delle sue canzoni. In lui veramente musica e visione della vita e della realtà, si fondono. Rappresenta la generazione degli anni Sessanta e delle sue contestazioni, le sue smanie di rompere gli schemi, di innovare le modalità del potere, negli anni del boom economico e dei primi movimenti studenteschi.

La prima sera a Sanremo se ne è venuto fuori contro ogni perbenismo, le responsabilità del potere, quando questo si esercita contro gli uomini. E da qui il putiferio per chi ha fatto finta di non capire. Prima di tutto i preti, abituati a predicare, ma non a parlare del “paradiso”. Ho trovato questo riferimento opportuno, quasi commovente nella sua ingenuità. Perchè Celentano è, allo stesso tempo, figura di élite, di grande potenza mediatica, ed uomo comune. Con la sua semplicità e i suoi limiti. Perciò il suo intervento irruento, per altro infantile e d’altri tempi, non mi è parso per nulla un attacco alla Chiesa cattolica. Semmai è stato un modo semplice e anche banale per richiamare l’attenzione del mondo religioso verso le “meraviglie del creato”, di cui i religiosi parlano solo raramente. Le loro menti, vuole dire, sono allagate solo dal male che imperversa sul mondo. Al contrario è il “paradiso” che bisogna scoprire in ciascuno di noi e nell’universo, o nelle piccole cose. Una scelta di responsabilità che il potere non compie quasi mai. Perciò l’attacco è stato durissimo a giornali come ‘Avvenire’ e ‘Famiglia Cristiana’, definiti “inutili”, testate “ipocrite”. Meglio che chiudano. Una battuta evidentemente, perché nessuno è più a favore della libertà di stampa e di parola di quanto lo sia un tipo come Celentano.

Il secondo attacco è stato diretto contro la Consulta per aver bocciato il referendum sulla legge elettorale. E chi può dire che questo atto non abbia leso il diritto costituzionale dei cittadini a proporre una legge sacrosanta e necessaria?

Ora non sappiamo cosa potrà dire Celentano in quest’ultima puntata del Festival di Sanremo. Immaginiamo che molte mordacchie per lui siano state preparate. In altri tempi si sarebbero alzati i roghi e molte teste sarebbero saltate. Come pare sia già accaduto alla Rai, e a Sanremo. (GC)

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...