L’equinozio di primavera perduto

equinozio-di-primaveraDa sempre gli uomini hanno provato, di fronte al fascino del risveglio della natura, una sensazione di stupore e di ottimismo. L’universo animale e vegetale partecipa a questa condizione di rinascita e per celebrarla, da sempre, il cambio di stagione è coinciso con i rituali che gli uomini si sono inventati, per accogliere la fine del loro periodo di incertezza e di stenti. Gli studiosi di storia economica definiscono questa fase di transizione, congiuntura e indicano così il superamento della rigidità dei tempi difficili che seguono o accompagnano il periodo dei raccolti. Chi supera questo momento di difficoltà è fuori dalla congiuntura, chi non lo supera ne può anche soccombere.

Durante la civiltà contadina le difficoltà c’erano sempre, ma nelle annate di carestia o quando i tempi erano più difficili per lo scarso raccolto, la congiuntura aveva un andamento stagionale. Di solito, passato l’inverno, se ne era fuori e tutto un mondo consolidato di detti e proverbi ne sanciva il vittorioso superamento. Era anche la vittoria  sulla notte dei tempi invernali lunghi, l’affermazione della primavera con i suoi riti inconsapevoli: il carnevale e il testamento del “nannu”, le luminarie di San Giuseppe, la fine della quaresima e la pasqua di resurrezione che introducevano il risveglio di aprile. Anche astronomicamente giorno e notte si equilibravano e mondo ed universo umano sembravano avere riconquistato la loro organicità cosmica.

Oggi il mondo non è più in pace con se stesso e l’unico animale che ne rovina gli equilibri non se ne rende neanche conto. Tutto si è alterato. L’esse est percipi, diceva Berkeley. La realtà è ciò che percepiamo ma non è più se stessa. Anche i nostri sensi sono mutati, degenerando. GC

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...