Cyberutenti di tutto il mondo unitevi!

 

Giuseppe Casarrubea

C’è una nuova categoria di persone che Antonio Gramsci avrebbe incluso tra gli intellettuali di massa. Ed è quella del vasto popolo degli utenti di internet. Essi, oltre ad essere produttori, sono anche fruitori più o meno inconsapevoli, del cyberspazio grazie al quale i cieli del mondo sono diventati  autostrade del pensiero.

Ma si dà il fatto che tutti ci corrono in maniera più o meno solitaria, mentre le persone reali, in carne e ossa, se ne rimangono relegate alle loro poltrone, e ai sogni di tutti i giorni. Quelli che non possono circolare nello spazio impunemente, perchè qualcuno, ancora più in alto, li sovrasta. O meglio li controlla. Come aveva previsto Orwel. Chi è visibile ed ha diritto di parola ha un potere, quello latino del possum, chi non ha questa possibilità è marginale o non incide di fatto. Tuttavia qualcuno ci segue tutti.

Non stiamo parlando degli elenchi in mano ai generali golpisti. Sulla loro compilazione ormai certi settori deviati dello Stato hanno acquisito un’ampia competenza. E pure noi. O dei mafiosi latitanti. Su di loro, pur se si hanno gli indirizzi personali e degli “amici degli amici”, si applica sempre il beneficio dell’inventario. Si prendono quando è ora. Di fatto, nonostante i successi ottenuti per un gran numero di lazzaroni, essi sono destinati a restare praticamente liberi a tempo indeterminato. Non si tratta neppure di delinquenti alle prese con il malaffare e con il crimine organizzato, con “Cosa Nostra” o con l’intrallazzo.

George Orwell

George Orwell

Stiamo parlando di gente perbene, di intellettuali che un tempo Gramsci (scusate il riferimento obsoleto), avrebbe definito intellettuali di massa. E’ il popolo che gravita attorno ai blog, ai siti web, alla comunicazione ‘orizzontale’: il futuro che sommergerà, da qui a qualche anno – dicono le previsioni – il mondo della carta stampata, i monopolisti dell’informazione mass-mediale di tipo tradizionale. I proprietari della carta stampata hanno da sempre costituito un potere speciale, una sorta di “stay behind” della pubblica opinione. Il soccorso del potere. Chi è stato democratico si è comportato di conseguenza, chi non lo è stato si è comportato da pescecane.

Il popolo dei blogger è una massa libera, necessaria, opposta ai criminali.  Ai governi (si veda la primavera islamica), e a qualche altro che ci sta dietro, piacerebbe intrappolarlo. O sottoporlo a una lista di proscrizione. Chi merita e chi non merita.

Ora arrivano le prime avvisaglie di ciò che succederà sul piano della comunicazione virtuale e informatica. Cioè con la trasformazione orizzontale della comunicazione. Se non vuoi proprio dipendere da nessuno, a cominciare da quei mostri dell’informazione che sono l’Ansa e via dicendo, in mano per lo più a gente che fa il bello e il cattivo tempo, compri uno spazio e lo gestisci secondo la tua cultura e intelligenza. Se pensi di potere dipendere da qualcuno che ti concede di essere ospitato perché la tua parola possa manifestarsi, lo fai dentro i limiti dello spazio che ti viene concesso. Basta pagare. Le parole infatti non si misurano più con la giustezza dei righi, col corpo delle lettere, col lessico dei pesanti vocabolari che devi tenere sulla scrivania. Pagine e volumi si chiameranno in altro modo. Le parole si misurano in chilobyte (KB), in megabyte (MB) e in Gigabyte (GB). Come se fossero unità di misura celesti, che derivano dall’etere sempre più misterioso, come l’universo. E fin qui nulla di male. Anzi, tutto sembra grazia di Dio.

Il fatto è, però, che le avvisaglie dei fantasmi suscitati da tanta grazia, sono pesanti e colpiscono a fondo in modo mortale e barbarico. Peggio che ai tempi in cui ancora la stampa non era stata inventata. Quando i baroni nei loro territori facevano sentire il loro potere, la loro pericolosa autorità, capace di decidere della vita e della morte di ogni singola persona. Ciascuno provava il senso dello schiacciamento e alla fine si sentiva ben poca cosa rispetto a quel potere che aveva la forza di farlo scomparire. Coniavano moneta, stabilivano il jus primae noctis, imponevano tasse e taglieggiamenti vari, tenevano la popolazione sotto un dominio ferreo. La summa di tutti questi lacci e balzelli, imposti dalla cultura della violenza, fu (nessuno se la prenda a male) il nazismo e, prima ancora, il nostrano fascismo che fece dell’informazione il supremo comandamento del divieto.

1984-Big-BrotherTutto era vietato e persino che la comunicazione potesse avvenire attraverso un dialogo di piazza tra due persone che magari parlavano di cosa stavano preparando a pranzo le loro mogli. Il ministro Severino oggi si limita ad ammonire il popolo dei blogger, lo invita ad essere responsabile. Qualche tribunale ne ha già messo sotto processo qualcuno, tra quelli che non sanno starsene tranquilli, come Carlo Ruta. E siccome la misura della responsabilità la detengono sempre lor signori, non è da escludere che prima o poi arrivi un capocentù, con il giummo e gli stivaloni, e ci venga a dire: Ora basta. Cosa che è successa molte volte a gente come noi. Con i costi relativi che solo noi paghiamo.

Tutto questo ha a che fare con la Costituzione che avremmo dovuto imparare a scuola materna e prima ancora quando eravamo lattanti al seno delle nostre madri.

Con la carta stampata andranno al macero anche i diritti irrinunciabili, e quegli altri che costituirono il fondamento della nostra società civile, del nostro Stato e della nostra esistenza.

Ma noi, popolo del web che parliamo alla gente per ricordare cose che hanno a che face col buon senso, dobbiamo spiegarle queste cose. Altrimenti succederà quello che è già successo: che le verità si capovolgono e chi ha potere lo usa per distorcerlo, per abusarne.  A meno che tutto non sia già completamente cambiato senza che nessuno di noi se ne sia accorto.

Perché è difficile che ciascuno possa accedere ai mezzi di comunicazione di massa, se non passa dal vaglio delle nuove plutocrazie mediatiche, televisive e non, che lo controllano. Vi è dunque una violenza sistemica e strutturata dentro lo stesso Stato che non tende a rimuovere gli ostacoli che impediscono l’esercizio di un diritto fondamentale, quello di espressione. E non ne è esente la Rai dove Reporter è un’eccezione.

L’art. 21 della Costituzione recita: “La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”. Pare che non sia così. Chiunque, infatti, corre il rischio di vedersi messa la mordacchia per cose che si possono dire o no, a seconda delle convenienze altrui.

L’unico prerequisito del blogger è la serietà e il senso della responsabilità. Succede invece che in Italia non sono ormai pochi i casi di giornalisti che proprio per dare informazioni sulle cose che sanno, non solo hanno messa la mordacchia, ma vengono trascinati in tribunale e persino condannati. Quando non sono uccisi. Ma non si può nascondere il sole col colabrodo!

Dunque, curatori di blog, siti web, pafine di Facebook, commensali dei banchetti delle chat e delle newsletter e via dicendo, il nemico ci osserva. Dice di farlo in nome della sicurezza e per la difesa della democrazia. Ma in giro ci sono lupi rapaci che non vediamo, violentatori, terroristi del pensiero, gente che ci potrebbe fare saltare in aria, senza bombe. Inventiamo un santo protettore, un arcangelo che ci sia custode per terra e per i cieli. Che abbia la discrezione di non arrivare dentro le nostre scrivanie e dirci se stiamo sbagliando. Per questo delicato compito abbiamo la nostra coscienza. Superman o Batman non sono mai con noi.

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Attualità e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cyberutenti di tutto il mondo unitevi!

  1. Pingback: Cyberutenti di tutto il mondo unitevi! - 2 maggio 2012 - Cronaca Bianca | Allnewz.it

  2. unavitaazigzag ha detto:

    Beh, lancia la ‘Metanauts United’, Italian Chapter, assieme a qualcuno di pulito, adatto e influente, che diventi un benefico gruppo di pressione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...