Lawrence d’Arabia: la rivolta nel deserto

“Non tutti gli uomini sognano allo stesso modo, coloro che sognano di notte nei ripostigli polverosi della loro mente, scoprono al risveglio la vanità di quelle immagini, ma quelli che sognano di giorno sono uomini pericolosi perché può darsi che recitano i loro sogni ad occhi aperti per attuarli…fu ciò che io feci … Io intendevo creare una Nazione nuova, ristabilire un’influenza decaduta, dare a venti milioni di Semiti la base sulla quale costruire un ispirato palazzo di sogni per il loro pensiero nazionale … “.  Thomas Edward Lawrence, I sette pilastri della saggezza.

Nell’estate del 1935 – in seguito alla morte improvvisa di Thomas Edward Lawrence, mondialmente noto come “Lawrence d’Arabia” – il produttore e regista Alexander Korda contatta il Foreign Office e il Colonial Office, a Londra. L’idea è di girare un film sulle gesta leggendarie del colonnello in Medio Oriente tra il 1916 e il 1918. L’interprete scelto è l’attore Leslie Howard.

C’è un ok di massima da parte del governo inglese – dal 1920 la Gran Bretagna esercita un mandato politico su Palestina e Transgiordania – ma i problemi cominciano poco dopo. L’impresa etiope di Mussolini e la contrarietà dell’emiro Abdullah (Transgiordania) dissuadono Londra dall’ autorizzare le riprese cinematografiche.

Nel 1937 ci si mettono anche i turchi. Protestano perché il copione di “Rivolta nel deserto” li dipinge come elementi “crudeli e incivili”. Per gli inglesi è un problema spinoso.  L’amicizia della Turchia è fondamentale agli interessi britannici nel Mediterraneo.

 Il Foreign Office interviene e, dopo due anni di trattative riservate con Korda, riesce a convincere la “London Film” a modificare la sceneggiatura, riducendo la parte della vita di Lawrence in Medio Oriente a meno della metà della storia. Sono i funzionari del ministero degli Esteri inglese a vagliare  attentamente lo script, allo scopo di renderlo “innocuo”.

Lo scoppio della Seconda guerra mondiale, nel settembre del 1939, manda il progetto in soffitta. Vent’anni dopo sarà il regista David Lean a dirigere il kolossal “Lawrence d’Arabia” con Peter O’Toole nel ruolo del colonnello. Il film esce nel 1962 e fa incetta di Oscar.

I documenti sono stati selezionati da Mario José Cereghino negli Archivi nazionali britannici di Kew Gardens (Surrey) e sono consultabili in copia digitale presso l’Archivio Casarrubea di Partinico (Palermo).

Leggi di seguito la traduzione: Lawrence d’Arabia, il film degli anni Trenta

Leggi di seguito alcuni documenti: documenti

 

 

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Cultura, DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...