I funerali di Rizzotto

Giuseppe Casarrubea

Napolitano al funerale di Placido Rizzotto

Napolitano al funerale di Placido Rizzotto

Peccato. Mi è rimasto l’amaro in bocca. Non credo che Placido Rizzotto sarebbe rimasto contento di vedersi benedire da morto da un vescovo che non ha pronunciato mai la parola mafia nella sua omelia. O che ha storpiato il suo nome in quello, inesistente per la circostanza, di Rizzuto. Lui che era un socialista, ammazzato dalla mafia come gli altri suoi compagni socialisti, alla vigilia – possiamo dire – delle elezioni politiche del 1948, sarebbe stato invece contento di sentire pronunciare i nomi di Calogero Cangelosi ed Epifanio Li Puma, sindacalisti di Camporeale e di Petralia Soprana, ammazzati  da Vanni Sacco e dalla mafia madonita. E sarebbe stato felice di costatare che il suo non era un riconoscimento privato, ma un atto dovuto a tutti quei sindacalisti assassinati prima e dopo di lui. Per lo sviluppo, per la libertà, per una Italia senza malandrini, senza mafiosi e mascalzoni.

Peccato. Perché quello che doveva essere un evento di Stato, laico e riparatore, è stato una cerimonia quasi privata, con scarsi riferimenti a ciò che rappresentò Cosa Nostra in quegli anni di piombo e di terrorismo, quando si tentò di bloccare la democrazia con la decapitazione del movimento contadino, e quando lo Stato complice si liberava persino dalla fatica di portare a conclusione i processi per condannare i colpevoli delle stragi e delle uccisioni, lasciando le famiglie dei sindacalisti in balia di se stesse. Lo Stato si è macchiato di colpe imperdonabili per i processi mai istruiti, per quelli mai conclusi, per tutte le assoluzioni dovute a insufficienza di prove, per non avere mai individuato i mandanti di stragi e delitti necessari a imprimere una svolta reazionaria ed eversiva al governo della cosa pubblica. Ma anche per non avere scritto mai, nè in Parlamento, nè negli atti del governo, nè in quelli della magistratura una sola riga volta a riparare il colpo inferto alla democrazia negli anni della ricostruzione. Perciò nessuno pensi di avere chiuso ogni discussione su queste responsabilità con una messa solenne. Tanto più che i nomi dei veri responsabili delle stragi e degli assassini di quegli anni, sono ancora sconosciuti.

E’ vero. Lo Stato consegna oggi una tomba ai familiari di Placido Rizzotto. Anche se senza corpo, quasi vuota, è simbolicamente ricca di senso, dopo che tutta la corporeità di un uomo senza vita è stata seppellita per sempre dalla mafia, da quanti avevano già in partenza stabilito che nulla doveva rimanere di chi aveva combattuto fino in fondo una lotta senza quartiere contro i padrini di Corleone, i colletti bianchi al contempo mafiosi e uomini di Stato, criminali infiltrati nelle sue istituzioni, vermi della Repubblica nascente.

Ma ci sarà per sempre una tomba, un posto in cui deporre un fiore, cantare un inno, magari quello che ancora non si è intonato come se fosse un’offesa al pudore, dire una parola parlando a un ideale, ad un’altra entità, superiore, a un mito.

Oggi, si è deciso di chiudere un lungo capitolo durato  sessantaquattro anni. Un tempo interminabile che non ha ancora reso giustizia e che non può concludersi come se la storia tramontasse dentro una vicenda familiare e non segnasse una realtà più vasta: le lotte per il pane e il lavoro, per la giustizia e per la libertà, perché l’Italia fosse quella Repubblica per la quale molti sindacalisti e uomini politici di allora si sono battuti. Oggi c’è stato il trionfo del clericalismo sulla laicità dello Stato. Nessun inno dei lavoratori. Sarebbe stata una diavoleria. Quando l’ipocrisia trionfa sulla verità non c’è speranza di giustizia. “Eterno dubbio sulla storia – direbbe Bufalino- : è un boia dai cento occhi o una sonnambula cieca?”. Vogliamo sperare che non sia nè l’uno, nè l’altra.

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Attualità e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a I funerali di Rizzotto

  1. Giuseppe ha detto:

    “ciacca di bifarera ricca ti lassu ,undici varrili d’oru e un crucufisso” questo mi confidò,alcuni anni addietro un uomo d’onore della vicana Godrano,evidentemente alludeva al fatto che le foibe di mote busambra servisserro anche come cassaforte per altilocati mafiosi.

  2. Francesco ha detto:

    Egr. Prof. Casarrubea, condivido la Sua analisi, l’ipocrisia è la più grande offesa per la memoria di chi ha perso la vita lottando per un vero stato democratico!

  3. franco virga ha detto:

    Caro Giuseppe,
    grazie per quello che hai scritto. Mi ci riconosco a tal punto dal riproporlo nel blog del CESIM.
    Un abbraccio.
    Franco

  4. giuseppearagno ha detto:

    In quella chiesa, il simbolo concreto di quanto miserabile possa essere ciò che accade sotto i nostri occhi era Giorgio Napolitano, con la sua ambigua figura e il ruolo sempre più oscuro che ha assunto da tempo. Napolitano, il “comunista” approdato al Ministero dell’Interno, che in pochi anni ha fatto carta straccia della Costituzione e non si vergogna si stringere la mano a De Gennaro.

  5. Sabatino Salvi ha detto:

    Grazie Giuseppe. Come è possibile che il nostro presidente della Repubblica abbia fatto prevalere l’aspetto clericale – che ha tra l’altro offeso la memoria di Placido Rizzotto facendo VOLUTAMENTE scempio per ben due volte del suo nome – all’aspetto laico molto più rigoroso e non ipocrita. Peccato per l’occasione persa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...