Le primarie dei rottamatori

Renzi_Matteo

Renzi Matteo

Tutti i nodi arrivano al pettine, dice un vecchio proverbio. Ma qui non ci sono nodi da fare sotto la trama dei tessuti ancora freschi nel telaio. A volere essere sinceri non ci sono neanche i telai e le gentili mani delle lavoratrici intente a quest’opera necessaria di lavorazione e definizione di un prodotto. Nodi e pettine si riferiscono ad una struttura che, nel nostro caso, è la democrazia, anzi, sono gli elementi organizzati della sua esistenza.

Se parliamo di primarie, introdotte ai tempi preistorici di Romano Prodi, nel lontano 2005, dobbiamo ammettere che sono congegnate ad escludendum. E non per il motivo opposto. Infatti non tutti sono candidabili in una elezione di questo tipo e non tutti hanno la possibilità di investire su se stessi e sulle proprie idee politiche per concorrere in una competizione elettorale. Locale o nazionale che sia.

Matteo Renzi non è stato proposto da nessuno  alle prossime primarie del centrosinistra. Si è auto presentato in modo estemporaneo durante un comizio tenuto a Verona lo scorso 13 settembre 2012. In tre settimane è successo un parapiglia ma nessuno se ne è chiesta la ragione. In sette anni, fino ad oggi, il problema delle regole che avrebbero dovuto mettere ordine nelle procedure per la effettiva realizzazione di consultazioni democratiche all’interno di un partito o di una coalizione, quale fu a suo tempo, l’Ulivo, o qual è il centrosinistra, oggi, non solo non si è posto, ma non ha prodotto chiarezza alcuna su cosa fare. E purtroppo il problema non interessa affatto il centrodestra arroccato nella sua gestione monocratica.

Il Pd, invece, è apertamente in crisi, non solo perché registra dei ritardi nel suo strutturarsi come presenza democratica all’interno dello schieramento di centrosinistra, ma anche perché subisce i contraccolpi interni dovuti alla sua doppia anima. Quella che vede compresenti la tradizione cattolica sturziana alla quale si è formato Renzi, e l’esperienza laica e popolare della sinistra, un tempo comunista e socialista. Non potrebbe altrimenti spiegarsi la contrapposizione del sindaco di Firenze, che ha tutta l’aria del bamboccio di papà un pò viziato, contro l’attuale segretario politico del Pd, Bersani che ha una gavetta abbastanza robusta. E sinceramente, tra queste due anime, è improponibile una scelta nominalistica o di tipo ideologico e valoriale. Per un semplice motivo.

Le ragioni del Pd, partito moderato e di fatto centrista, stanno nella fusione delle sue anime interne e nel suo porsi come nuova formazione che trascende il gioco delle parti. Cioè le posizioni delle diverse eredità storiche poste a base della stessa nascita del Pd. In questo senso più si gioca di pala e pico per rottamare, più si sfascia la costruzione del processo democratico di chiarificazione interna. Una questione che non riguarda affatto la presenza del vecchio, ma le incrostazioni ancora massicciamente presenti nell’elaborazione politica complessiva, per i governi locali e nazionali della cosa pubblica. Si tratta di un limite che influenza anche la sinistra in quanto non è indifferente a quest’ultima la strategia di chiarificazione necessaria alla futura trasparenza della leadership politica per il governo delle regioni e del Paese.

Non c’è chi non veda come questa questione si leghi strettamente alla mancata riforma del sistema elettorale, sulla quale tutti i partiti nicchiano da tempo, fingendo un certo interesse, ma di fatto pensando ad altro. In tal modo assicurando all’attuale apparato elitario fatto di segreterie politiche, di parlamentari, di designati alla gestione di organismi pubblici, e quant’altro, di mantenersi saldo ben oltre la prossima data elettorale della primavera 2013. Con buona pace del centrodestra.

Giuseppe Casarrubea

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Attualità e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Le primarie dei rottamatori

  1. Gaspare Serra ha detto:

    Caro Prof.,
    Lei conosce il mio giudizio critico sulla stessa “ragion d’essere” del Partito Democratico.
    Per una volta concordando con Massimo D’Alema-, credo che non vi sia migliore definizione di questo Partito che quella di “amalgama malriuscito”!
    Non mi stanno particolarmente a cuore, dunque, le sorti del Pd…
    Mi stanno a cuore, invece, le sorti del mio Paese!

    L’unica eredità positiva lasciata dalla Seconda Repubblica -per il resto, solo scandali e debiti!- è il “bipolarismo”.
    Bipolarismo, a mio avviso, vuol dire:
    – “chiarezza” nei rapporti tra le forze politiche;
    – e “certezza” su chi, subito dopo la chiusura delle urne, sarà chiamato a governare il Paese.

    Nessuno può tessere le lodi del “bipolarismo malato” all’italiana…
    Ma tra le ragioni del suo male si annoverava Berlusconi, ovvero lo scontro esasperato tra berlusconiani ed antiberlusconiani.
    Uscito di scena il Cavaliere, occorrerebbe coltivare la speranza:
    – di un centrodestra più moderato (semplicemente di stampo “europeo”);
    – e di una democrazia dell’alternanza più matura.
    Del resto, l’alternativa non è affatto allettante: il ritorno alla Prima Repubblica, ovvero a coalizioni di governo post-voto e a indefiniti governi democristiani!

    Per questo sul Pd ricade una grossa responsabilità: la sopravvivenza stessa del bipolarismo!
    Non esiste possibilità alcuna, difatti, di riformare la legge elettorale senza l’accordo del Partito Democratico.
    Il Porcellum, pur tra tutti i suoi mali, presenta una virtù: garantire un’ampia maggioranza (dunque una piena governabilità, se ben esercitata) alla coalizione vincente.
    Dal canto loro, i Democratici hanno un potere di ricatto enorme sulle altre forze di governo:
    – o accordarsi su una degna legge elettorale, che garantisca agli elettori la possibilità di scegliere i propri rappresentanti e, al contempo, salvaguardi il bipolarismo (nessun “Porcello bis”, per intendersi!);
    – oppure, checchè nel dica Napolitano, far saltare il tavolo e servirsi del Porcellum per vincere le elezioni e tagliare le gambe sul nascere ad ogni ipotesi di Monti bis (ricorrendo ovviamente alle primarie per la scelta dei candidati).

    Se, di contro, il Pd crede che per governare occorra necessariamente allearsi con Casini e Fini o, addirittura, riproporre una grande coalizione col Pdl incluso, anche tale scelta è lecita.
    Lecita, però, se fatta “alla luce del sole”: se si assume la responsabilità dinanzi agli Italiani e ci si presenta in tale veste davanti agli elettori!
    L’unica cosa “inaccettabile”, difatti, è candidarsi a governare il Paese ma, al contempo, lavorare sottobanco per rendere ingovernabile questo Paese!

    Saluti…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...