Perchè gli Usa e la mafia investirono su Lucky Luciano

Lucky Luciano

Lucky Luciano

I documenti che l’Archivio Casarrubea ha rintracciato nel 2004 a College Park (Maryland) nel fondo “Lucky Luciano”, sono inoppugnabili. Finalmente si ha la prova definitiva e certa che Lucky Luciano, prestò la sua collaborazione per assicurare ogni controllo contro eventuali sabotaggi nel porto di New York, ma non potè partecipare direttamente a nessuna azione in favore dello sbarco americano in Sicilia. Del resto gli americani non ne avevano bisogno. Invece – ecco la notizia- corruppe diverse autorità americane per raggiungere prima l’Italia e poi attivare su scala mondiale il traffico di eroina. Divenne così il caposcuola del narcotraffico internazionale, come ancora oggi lo conosciamo.

Le mazzette pagate personalmente dal boss di Lercara Friddi raggiunsero i 150 mila dollari (200 mila secondo altre fonti dell’antidroga), mentre la mafia italiana sborsò l’enorme cifra di 500 mila dollari.

E’ quanto ci racconta un documento segretato per sessant’anni nel quale si parla di un colloquio avuto da Charles Siragusa, ex agente dell’ Office of strategic services fin dal 1944 agli ordini di James Angleton, con Mike Stern, ex agente del Cic (Counter intelligence Corps) e celebre giornalista americano di quegli anni. I due si incontrano il 23 luglio 1952 a Roma e si scambiano informazioni su Salvatore Lucania, all’epoca di casa a Napoli, dopo il suo arrivo in Italia nel febbraio 1946.  Stern racconta a Siragusa, in quel momento special agent della Squadra narcotici americana, a Roma, che avendo intervistato il boss siculo americano “gli ha fornito alcune informazioni confidenziali che corroborano un memorandum datato 16 agosto 1951, redatto dall’agente della Narcotici Joseph Amato. In questo documento, si afferma che ‘Lucky ha pagato una prima rata di 150.000 dollari alle ‘persone giuste’, perchè gli concedessero la libertà vigilata” e che “la mafia italiana ha pagato complessivamente 500 mila dollari a Moses Polakoff, l’avvocato di Luciano, per garantire che il boss fosse rilasciato dalla prigione in libertà vigilata. Polakoff [aveva] consegnato il denaro a Charles Breitel, l’ex collaboratore legale del governatore di New York , John E. Dewey. Si aggiunge inoltre che “Luciano ha chiesto a Stern di giurare di mantenere il segreto sulla faccenda. Un altro motivo che ha convinto Stern a non pubblicare questa perla di notizia è il seguente: Stern temeva di esporsi a una querela per diffamazione che avrebbe coinvolto politici di alto rango”.

Nel documento si chiarisce ancora che “Luciano non sa a quante persone siano stati distribuiti questi 500 mila dollari. Se ne deduce che Breitel abbia incassato la parte del leone di questa somma e che Haffenden, l’ex comandante della Marina militare statunitense, abbia ricevuto anch’egli una buona fetta della torta. Ma forse, anche il governatore Dewey in persona – leggiamo –   ha ricevuto una parte del denaro. Di recente – chiarisce ancora Siragusa-  ho letto che Breitel è in buona posizione per essere nominato dal governatore Dewey alla Corte Suprema di giustizia dello Stato di New York”.

A cosa serviva quel fiume di denaro? Evidentemente l’investimento che la mafia italiana voleva fare sul futuro di Lucky Luciano non era solo un affare privato, un favore personale al boss. Infatti è ragionevole ritenere che le mazzette della mafia italiana intascate da politici ed autorità militari di alto rango degli Usa, servano a operazioni che la potente organizzazione criminale  intendeva realizzare nel nostro Paese, in vista della nascita di ‘Cosa Nostra’, e  della Santissima trinità.

Nessun altro boss sarebbe stato in grado di compiere il salto di qualità che Luciano fa fare alla mafia su scala planetaria.

Giuseppe Casarrubea e Mario J. Cereghino

       n.1

    n.2

     n.3

   n.4

  n. 5

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Perchè gli Usa e la mafia investirono su Lucky Luciano

  1. Francesco Paolo Magno ha detto:

    La regina d’Inghilterra alcuni secoli fa utilizzò i pirati,per ampliare i suoi domini.L’impiego dei delinquenti,per fini impropriamente detti “politici”,è una vecchia,odiosissima musica.Con il passare del tempo,però,dalla ricerca attenta di storici coraggiosi e non conformisti apprendiamo l’esistenza dei più infami connubi.Con il passare del tempo alle utilissime conquiste del sapere storico seguono sempre conquiste,che riguardano gli aspetti “materiali” della nostra vita quotidiana.Ecco perchè io dico “Grazie ! ” a chi si dedica,per amore della VERITA’,alla ricerca storica.

  2. Gherardo Maffei ha detto:

    Sostenere che la mafia siculo-statunitense non fu usata dall’amministrazione Roosvelt, per lo sbarco in Sicilia, è come voler sostenere che l’onorevole radicale Cicciolina è illibata! Il siculo nonché futuro capo della Polizia nel dopoguerra, Angelo Vicari, adetto alla segretetria dell’allora capo della Polizia Carmine Senise, che ebbe parte attiva nell’unico colpo di stato realizzato in Italia, vale a dire quello del 25 luglio 1943, massonico monarchico anti nazifascista, liberò dal confino di polizia seicento mafiosi in vista dello sbarco dei “liberatori”. Liberatori che a distanza di quasi un secolo, matengono un centinaio di basi nella penisola, per i loro interessi geopolitici e strategici.Uno storico dotato di un minimo di onestà intellettuale, deve necessariamente rifiutare la vulgata corrente di regime, che persiste nel portare il cervello all’ammasso degli italiani.Ancora qualche decennio poi finalmente gli storici futuri, avranno il diritto di scrivere la verità:l’antifascismo fu una truffa colossale giocata sulla pelle del popolo italiano.

    • casarrubea ha detto:

      Caro Gherardo,
      vorrei che lei non rimanesse nell’equivoco. Non dobbiamo infatti confondere gli aspetti militari dell’operazione Husky, da tutto quello che viene messo in atto dagli Usa e da Churchill perchè tale evento bellico si realizzi con le necessarie premesse del controllo sociale. Aspetto questo, che era e rimane, ancora oggi, come la questione centrale della funzione che la mafia ha avuto prima e dopo lo sbarco. Questo è quello che conta. Molti, invece, credono, provocando una distorsione e una distrazione dal vero problema storico, che la mafia abbia partecipato agli aspetti militari dello Sbarco alleato. Cosa di cui gli Alleati – torno a ripetere- non avevano proprio bisogno. Erano già abbastanza autosufficienti da sè. Mi perdoni la precisazione, ma la ritengo necessaria e sono sicuro che in fondo vogliamo dire le stesse cose.

      • Franco ha detto:

        Caro Carrubea,
        nell’enumerazione degli eventi bellici della guerra del 1943, tutto viene focalizzato nello sbarco in Sicilia. Per difetto o altro, gli eventi bellici che anticiparono lo sbarco come El Alamein et l’occupazione della Tunisia, sono omesse se non dimenticate. E diffusa l’idea, e quindi le analisi, che la Sicilia è stata la prima regione, in assoluto, liberata dagli Alleati, ma non è cosi. E non la pensano nello stesso modo i nostri vicini del Sud.

      • casarrubea ha detto:

        Quando si presume di fare la storia di tutto ciò che è accaduto, prima o dopo un fatto o un fenomeno, non si fa nulla. Si è solo perduto del tempo prezioso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...