La banda Giuliano e i nazifascisti di Montelepre

Campalto di Verona sede della scuola di sabotaggio dell'Sd nazista

Campalto di Verona sede della scuola di sabotaggio dell’Sd nazista

Se qualcuno avesse ancora dubbi sui personaggi che animarono e definirono le scenografie della banda di Salvatore Giuliano, potrebbe, avendone voglia e tempo, leggere per intero questo documento e altri presenti nel blog che abbiamo tirato fuori dal nostro Archivio.  Lo abbiamo rintracciato alcuni anni fa al Nara, gli Archivi nazionali americani, e riguarda l’interrogatorio effettuato dagli Alleati, di un monteleprino di spicco, allievo della scuola nazifascista di Campalto di Verona.

Una villa fino a qualche anno fa ancora intatta, con la sua caserma e i suoi giardini privati requisiti a suo tempo dal capitano delle SS Wolf  alla famiglia Grezzana.  I repubblichini vi tenevano corsi di sabotaggio a carattere residenziale. Dopo una prima rudimentale formazione venivano spediti sul campo di battaglia contro gli angloamericani e i partigiani. Formavano reti di collegamento sul territorio utili a impedire l’avanzata dei nuovi liberatori. Una di questa, a carattere meridionale, era la “fascist band” di Salvatore Giuliano.

 La scuola dipendeva dal maggiore Begus, capo della S.D. Cypress, una organizzazione nazista occulta che aveva ramificazioni in tutta Italia e anche in Sicilia.

L’8 settembre Sapienza, classe 1918, si trova in Grecia dove riesce ad evitare i campi di internamento tedeschi grazie ad una famiglia conosciuta in precedenza. E’, però, ugualmente arrestato e nel marzo 1944 riceve la visita di un greco e di un tedesco.  Gli propongono di tornare a casa, a patto, però, che giunto in Italia svolga azioni di sabotaggio contro gli Alleati. E’, quindi, ingaggiato e avviato a un corso di addestramento all’uso di esplosivi e armi. Lascia Atene nel luglio 1944 e, attraverso la penisola balcanica, giunge a Verona assieme a due accompagnatori delle SS e a quattro italiani che hanno frequentato il corso con lui.

A Campalto, Wolf gli attribuisce il soprannome di Sassi e tra i primi di agosto e la fine di settembre gli fa frequentare un altro corso, nel quale l’istruttore è il signor Negroni. Gli allievi sono bene istruiti e imparano l’arte degli assalti a ponti e ferrovie, come oltrepassare le linee nemiche, quali parole d’ordine usare. Insomma le tecniche dell’azione diretta della guerriglia attraverso gli attentati e i sabotaggi.

Alla fine di settembre 1945 Wolf lascia la scuola per recarsi in Germania dove probabilmente assume il comando di un reparto carristi della SS. Gli succede il tenente delle SS. Otto Strauss.

Leggi questo prezioso documento dei Servizi di intelligence alleati:

Interrogatorio di Giuseppe Sapienza

articolo collegato:

https://casarrubea.wordpress.com/2009/07/24/nazifascisti-a-verona/

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La banda Giuliano e i nazifascisti di Montelepre

  1. Francesco Paolo Magno ha detto:

    I cognomi dei parenti,ricordati da Giuseppe Sapienza,sono i cognomi di famiglie monteleprine. Il cognome “SAPIENZA”, inoltre,si ritrova nella denominazione di una via di Montelepre (la via Gaspare Sapienza).Nei mesi a cavallo tra il 1942 e il 1943 (ero un ragazzo di dieci anni) abitai,insieme con la mia famiglia,nella via Gaspare Sapienza, e, precisamente,in una casa, il cui proprietario era un PALERMO.La lettura del documento,pubblicato da Giuseppe Casarrubea,ha riportato alla mia memoria la vita di quei giorni.Ricordo che un giorno,mentre,insieme con mio padre,ci recavamo nel capoluogo,sulla macchina del padrone di casa,oltrepassata la casamatta del bivio di Torretta,vedemmo volteggiare un aereo degli Alleati,che lanciava manifestini.Incuriositi ci fermammo,e raccogliemmo uno di questi manifestini.All’origine della banda di Salvatore Giuliano c’è ANCHE la componente dei sabotatori nazi-fascisti.Un proprietario di molti forni palermitani ricordava,in una conversazione tra amici,che ,subito dopo lo sbarco degli Anglo-americani in Sicilia,un gruppo di persone si dedicò all’arruolamento di giovani,che apprezzavano il Fascismo.

  2. Paolo Pinciroli ha detto:

    E’ sempre un piacere leggere i documenti del Prof. Casarrubea. Apprezzabile poi il suo “attenersi ai fatti” (cosa non da tutti!) senza perdersi in farraginosità e senza “fare il Solone”.
    Complimenti Professore !!!!! La seguo sempre con immenso piacere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...