Peppino Impastato e l’altra cultura

Peppino Impastato

Peppino Impastato

       Un momento importante della strategia politico-culturale di Peppino Impastato, è segnato dalla costituzione del circolo “Musica e cultura”, che ebbe sede a Cinisi, in via Faro Pizzoli,242. Si tratta del tentativo di esperire forme di organizzazione del sociale e dei fatti culturali, le cui attività prevalenti sono:  il cineforum, le mostre mercato itineranti, i murales, le rappresentazioni teatrali e la costituzione di una “Biblioteca decentralizzata” che così Peppino spiegava nel documento costitutivo:

      “Si tratta di una biblioteca collettiva o decentralizzata, nel senso che ogni proprietario che fa parte dell’organismo tiene a  casa propria i suoi libri e una copia degli elenchi (dei libri, dei bibliotecari e degli utenti). Ogni proprietario farebbe così da bibliotecario alla frazione della biblioteca che egli gestisce”.

       Era una “campagna di lettura e di studio” che nasceva contro i processi di omologazione e di schiacciamento culturale già avvertiti da Pier Paolo Pasolini e che a Cinisi, in quel circolo, trovavano forma organizzativa e impostazione teorica. Spiegava Peppino:

       “Il risveglio culturale e politico degli ultimi anni, il prorompere sulla scena della storia delle nuove generazioni e il loro assurgere a livelli sempre più alti di responsabilità sociali e culturali, la crisi della scuola come veicolo per la trasmissione dell’ideologia dominante e la sempre crescente aggressività mistificatrice dei mezzi di comunicazione di massa, ci pongono compiti e problemi nuovi che vanno affrontati e risolti sul terreno della massima apertura intellettuale e dell’informazione culturale. A questo scopo riteniamo sia importante -continuava-  promuovere e sostenere ogni sorta di iniziativa in grado di coinvolgere strati sempre più ampi di giovani lavoratori e studenti, e che si muova nella direzione di proporre contenuti e valori alternativi alla vecchia cultura idealistico-repressiva e all’ideologia consumistico-totalizzante affermatasi nell’ultimo decennio e con crescente sviluppo economico distorto e finalizzato al superfluo”.

        Seguivano tre regolamenti, per l’utente, per il “nucleo direttivo” e per i bibliotecari che descrivevano con minuzia di particolari le regole per il funzionamento del nuovo servizio culturale.

        Peppino, oltre ad elaborare, con gli altri del suo gruppo, il progetto della biblioteca collettiva, vi prese parte come “bibliotecario” mettendo inizialmente a disposizione degli altri un primo elenco di 74 libri.  C’è poco di Lenin e mancano del tutto Carlo Marx e Pasolini, che tenne gelosamente per sè. Tra i testi che si occupavano della conoscenza del fenomeno mafioso, riscontriamo quelli di Michele Pantaleone e di Daniele Novacco, ma non quelli di Danilo Dolci, del quale, tuttavia, non aveva condiviso il pacifismo inerme, fondato sui tempi lunghi di una “coscientizzazione”, che non si costruiva mediante l’azione di un gruppo, ma attraverso un percorso ‘maieutico’ che si sorreggeva più su una dimensione duale, intersoggettiva,e quasi mistica della relazione, che non su un progetto politico collettivo.

     Vi erano poi le attività del cineforum. I film erano accuratamente selezionati e ed erano proiettati dopo una presentazione. Seguiva, alla fine, un dibattito. Dai ciclostilati del ’76, rileviamo “Uccellacci e uccellini”  che  Pasolini aveva girato nel ’66, assumendo come “base organica” “Le ceneri di Gramsci”, e, dello stesso regista, “Il vangelo secondo Matteo”; “La confessione” di Costa Gravas, versione dell’ “Aven” di Arthur London; “Bronte” di F. Vancini.  Di Bibermann si proiettava “Il sale della terra”, un film sul ruolo delle donne in uno sciopero di minatori. Il film faceva parte di una serie di documentari-inchiesta sulla condizione femminile, e serviva ad introdurre un dibattito con la presenza delle rappresentanti locali del collettivo femminista fondato da Peppino. Ma, dalle locandine redatte a mano dallo stesso Peppino, recanti ancora la marca da bollo per l’affissione nei pubblici esercizi, rileviamo, ancora,  la proiezione di “Giulietta degli spiriti”, e della “Strada” di Fellini, di  “Achtung Banditi” di Carlo Lizzani, di “Bianco e nero”.

Non sarebbe anacronistica una simile iniziativa oggi. Resta in piedi, infatti, la necessità di costruire dal basso le forme alternative dell’attuale sistema culturale basato sulle logiche del consumo, e sulla distruzione dei valori della resistenza. Ci sembra, in particolare, molto interessante il solidarismo nel processo di costruzione delle conoscenze, che anche la sinistra ha smarrito totalmente.

GC

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Peppino Impastato e l’altra cultura

  1. franco virga ha detto:

    Grazie Giuseppe per questo tuo bel contributo.

  2. franco gabotti ha detto:

    è passato un po’ di tempo da allora e di iniziative tese a diffondere una cultura della solidarietà e della sobrietà gioiosa (decrescita felice) oggi ne contiamo davvero tante, particolarmente diffuse nella rete.
    certamente è evidente anche lo scollamento dalle sinistre attive in politica dalle posizioni fondamentali di peppino impastato, resta da perseguire un attivismo sempre maggiore affinché le “macchie di leopardo” disseminate nel tessuto sociale e buone portatrici di un progetto sociale sostenibile sotto tutti i punti di vista, possano andare a costituire un manto sociale più omogeneo.
    come sempre la riconversione di un modello plasmato dagli interessi di casta multinazionale in un pensiero libero passa attraverso un’offerta culturale ampia, appassionata, lontana dalle dottrine e capace di una buona dose di pragmatismo scientifico.

  3. Francesco Paolo Magno ha detto:

    Carissimo,tu scrivi che anche la Sinistra ha smarrito totalmente ogni forma di solidarismo nel processo di costruzione delle conoscenze.In realtà,oggi,nessuna forza politica può essere considerata una forza politica di Sinistra. Da Marx in poi la Sinistra è tale, se è una Sinistra RIVOLUZIONARIA,cioè se ha l’obbiettivo di modificare, “ab imis fundamentis”,i meccanismi della vita materiale e di quella culturale. Oggi nessuna forza politica ha un obbiettivo di questo tipo, benchè il gravissimo degrado esistente reclami,in TUTTI i settori, un intervento impietoso e rivoluzionario.
    Attività di solidarismo nel processo di costruzione delle conoscenze io conobbi : a)quando,nel mese di marzo del 1945,mi iscrissi al PCI nella sezione “A. Gramsci” di via Garibaldi, a Palermo; b)quando frequentai questa stessa sezione del PCI, nella nuova sede di via Castro ;c)quando frequentai il “Circolo di studi filosofici e letterari”, ubicato in un modesto scantinato di via Principe di Belmonte,a Palermo ; d)quando, negli anni ’50 del secolo scorso,collaborai allo svolgersi di una intensa attività politico-culturale nella sede del Circolo “RINASCITA”,a Palermo,in via Maqueda, n. 256.Analoghe forme di solidarismo nella diffusione del sapere sperimentai in un ambiente di amici cattolici irrequieti (ci riunivamo,ogni domenica,in Piazza Marina , a Palermo, nel palazzo del barone Michele Fatta,e ,con un ciclostile della prima ora,stampavamo il resoconto dei nostri dibattiti.Successivamente,negli anni del papa Giovanni XXIII, agli incontri-dibattiti si accompagnò la pubblicazione di una coraggiosa rivista : “DIALOGO” ). Allora le persone avevano una precisa identità politica e ideologica : oggi ci troviamo in una condizione,simile alla schellinghiana “notte, in cui tutte le vacche sono nere”.

    • casarrubea ha detto:

      Caro Francesco Paolo, noi non possiamo essere la sinistra del solo ricordo. Al contrario abbiamo il dovere di essere la sinistra della memoria per il futuro. Altrimenti tutto è perduto anche l’opera dei grandi che tu citi e il senso della loro fatica e del loro sacrificio che molti vorrebbero relegare ai margini della nostra società, quando, invece, sono ancora oggi bussole per capire e orientarci in questo mondo che va alla deriva.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...