“Tutti a casa”

Dario Fo

Dario Fo

Sembra che Grillo, nella sua lucida pazzia, abbia deciso di mandare tutti gli italiani in vacanza, o a riposo forzato a casa loro, per un non meglio definibile suo bisogno di tranquillità e di sicurezza. Ha deciso che è finita un’epoca, che solo i suoi uomini possono ballare il rock di questo inizio di rivoluzione, che tutti i balli precedenti sono stati annullati. Qualcosa di simile a quello che succede in aeroporto, quando devi partire, e un improvviso messaggio della tua agenzia ti avverte che il volo non c’è più, rinviato a data da destinarsi. O a quelli che si trovano in un’aula di tribunale, quando, il colpevole di un grave delitto è condannato a un “fine pena mai”. Senza che il malcapitato possa avere il tempo neanche di prendersi un sonnifero per dormire.

Mi riferisco a un malanno che può capitare a molti italiani, visto che non ci sono elementi per dedurre che il messaggio di Grillo e della sua brava compagnia che lo consiglia e gli sta accanto, notte e giorno, non è rivolto a persone che hanno un nome e un cognome, ma a tutti gli italiani, senza distinzione di razza, sesso, età, partito, convinzioni religiose e fedine penali. Tutti. Un bisogno, questo, che per me ha il sapore amaro di una condanna al domicilio coatto giustificato da qualcosa che è solo nella mente di Grillo e dei suoi seguaci.

Ora, che abbiamo avuto in Italia una classe dirigente che ci ha portato alla rovina è fuori discussione e che molti rappresentanti dello Stato e, specialmente capi di governo, ministri e alti funzionari, debbano essere mandati sotto processo è pure vero, ma non è pensabile che per i reati commessi da una classe dirigente di corrotti debbano pagare tutti gli iscritti ai partiti nei quali questa classe ha militato, più indirettamente che direttamente.

I grillini ci dicono che questo non è fascismo, ma consapevolezza della realtà in cui siamo. Cioè siamo nella necessità (e peggio per noi se non ce ne eravamo accorti prima) di dire no a tutto il sistema dei partiti, perché ormai si sono corrotti ab imis fundamentis. Non lo hanno deciso gli italiani, o la magistratura o il governo, ma lui, Beppe Grillo. Il quale ha fatto della Costituzione carta da macero. Perché, quando, ad esempio, dice che tutti devono andare a casa, cos’altro sostiene se non che egli vuole privare “per motivi politici”, quanti non appartengono al suo movimento, del diritto di cittadinanza e della capacità giuridica, tutelati dall’art. 22 della Costituzione?  E siccome per il nostro ordinamento la responsabilità penale è personale, e comunque non sta a nessun privato cittadino esercitarla, ma alla magistratura, perché Grillo, piuttosto che ignorare l’art. 27 della Costituzione che di ciò si occupa, piuttosto che mandare tutti a casa, non ci prepara un elenco di corrotti da cui starsene alla larga? Perché preferisce buttare via il bambino con l’acqua sporca?

L’articolo 49  stabilisce che “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. Perché lui, con quel genio di democrazia qual è Casaleggio, ce ne vorrebbe privare? Sappiamo già la risposta semiseria dei grillini: –  “…ma no, è un modo di dire… Con l’espressione ‘tutti a casa’ Grillo vuole affermare che la politica è corrotta e che ormai non ci sono più rimedi per andare avanti. Il movimento deve fare la sua strada da solo.”

Dario Fo, premio Nobel per la letteratura, teorizza che siamo nell’anticamera della rivoluzione. Ormai il sipario della prima o seconda Repubblica che sia, si è per lui chiuso. E’ bravo, comunicativo, e l’ho sempre apprezzato. Ma anch’egli può prendere abbagli. O no? Da qualche tempo a questa parte, nel vederlo, con quel colbacco nero sulla testa, mi pare uno della vecchia guardia dell’ex partito comunista sovietico, quando, negli anniversari della rivoluzione d’ottobre, dal tempo di Stalin in poi, si affacciavano nel palco della piazza Rossa tutti i capi del Pcus a godersi la parata militare. Vive l’atmosfera dei giorni che precedono la rivoluzione e non riesce a nascondere la sua teatrale allegria, dietro la sua tentazione burlesca di rispondere in modo comico a quanti lo avvicinano per saperne di più. Sono giornalisti? Sì. Allora sono lupi. Hanno il compito fisiologico di addentare il pensiero grillino, deformarlo e sputarlo a terra, dopo averlo ridotto a poltiglia inservibile. Perciò Grillo avverte i suoi. – Non rilasciate interviste a nessuno. State muti – . Autorizzati a parlare sono soltanto i presidenti del M5S dei gruppi di Camera e Senato. Gli altri è meglio che non aprano bocca. Potrebbero dire minchiate. O, peggio, cose che non sono in linea con quanto stabilito dai capi. Cioè quella santa alleanza tra cultura, teatro, e web, destinata, come dopo il congresso di Vienna, a restaurare la storia del mondo, dopo la rivoluzione francese. Solo che qui, in Italia, non c’è mai stata una rivoluzione neanche lontanamente simile a quella che ha avuto la Francia della fine del ’700. Abbiamo avuto solo macerie. Storie di macerie, classi dirigenti che ci hanno portato a sbattere la testa, e masse enormi di popolo sempre pronte ad applaudire. E tra queste macerie, qualcuno che, scambiando un cimitero per una roccaforte nemica, va gridando mentre si aggira incosciente tra le rovine: – “Arrendetevi, siete circondati”. Come in un film horror.

Io non so come farà Beppe Grillo a garantire un reddito di cittadinanza di mille euro a chi ha perduto il posto di lavoro. Come riuscirà a fare in modo che mille aziende al giorno non chiudano i battenti, licenziando operai e impiegati. Quali argomenti allettanti potrà suggerire alle seicentocinquantamila imprese, per rientrare nel loro Paese, dopo che negli ultimi anni hanno abbandonato l’Italia. Come garantirà una corretta informazione, visto che tratta i giornalisti come sciacalli. Io non so se egli sia un rivoluzionario come dice Fo, o un demagogo, se interpreta l’Italia di oggi o se aspira a essere un peronista sudamericano. Sono certo, però, che egli non è Guglielmo Giannini il fondatore del partito dell’Uomo qualunque, non è neanche un anarchico, di quelli che c’erano in Italia prima della nascita del socialismo. So che non è un Pasquino o un Cola di Rienzo e neanche un Masaniello e che assistiamo – come dice Fo – alla “danza dei tarlocchi storditi”, cioè quei politici che con la loro tronfietà pensano di risolvere i problemi con strizzatine d’occhio e paccate sulle spalle. Ma so anche che, se è vero che questa volta “si fracassa tutto il papocchio”, corriamo il rischio di fare veramente male all’Italia,  di farle fare un balzo indietro di parecchi decenni. E a rimetterci saremo sempre noi, quelli che sanno solo applaudire, gli italiani. Questa volta, mi sa tanto, che tarlocchi o non tarlocchi, è bene guardarsi tutti in faccia e rimboccarsi le maniche, mettendosi a lavorare.

Giuseppe Casarrubea

articoli collegati:

https://casarrubea.wordpress.com/2013/02/27/la-lucida-follia-di-grillo/

https://casarrubea.wordpress.com/2013/03/05/grillo-e-lufo-robot/

https://casarrubea.wordpress.com/2013/02/26/grillo-e-litalia-ingovernabile/

https://casarrubea.wordpress.com/2013/03/02/scusi-il-senato-dove/

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a “Tutti a casa”

  1. Francesco Paolo Magno ha detto:

    Ritengo che l’Italia non sia un Paese povero, anzi è un Paese, in cui una piccola minoranza possiede una ricchezza abbondantissima . In Italia il limite, la difficoltà non è la mancanza di ricchezza : il limite , la difficoltà proviene dalla anomala distribuzione della ricchezza esistente. In Italia il 90% della ricchezza è nelle mani di un gruppo ristrettissimo di personaggi : il 10% è nelle mani di tutta la popolazione rimanente. I classici del marxismo hanno individuato,da tempo, la tendenza propria del capitalismo : la tendenza della ricchezza a concentrarsi in pochissime mani. Questa tendenza della ricchezza alla concentrazione è un meccanismo naturale, spontaneo, inevitabile del sistema socioeconomico capitalistico. E’ ovvio che questo processo, quando raggiunge un punto massimo di saturazione, non riesce più a proseguire, e si avvita su se stesso, creando una situazione di gravissima crisi. E’ ovvio, altresì, che per uscire dall’ “impasse” bisogna, in primo luogo, avere l’esatta comprensione della sua causa specifica, e, successivamente, provvedere ( in tempi più, o meno rapidi, ma con fermezza ) alla eliminazione di questa causa : il che non è un compito facile. Oggi siamo davanti ad uno snodo storico di questo tipo : da qui lo smarrimento e la paralisi delle forze politiche, che si attardano nella difesa del sistema socio-economico esistente.

  2. Ivana ha detto:

    E’ fascismo, fascismo versione 2.0, upgrade in corso. Il movimento è una azienda, logo registrato e statuto non modificabile, lo statuto è Grillo in persona. Imprenditori della comunicazione e del software, i primi (se non altro per competenze) a non poter credere che “la rete” sia un luogo democratico dove le decisioni possano davvero venire dal basso, sono loro. Le istanze, le lamentele di ogni genere, le rivendicazioni probabilmente si, anche se non sempre è vero. Le decisioni no, è escuso. Del resto nelle aziende funziona così, è normale. Decidono in due soltanto, in funzione di una mission che, probabilmente, su molti punti è convergente, per ora. Poi chissà.

  3. salvatore macaluso ha detto:

    Fino a quando i nostri politici, sindacati compresi, soprattutto quelli che si ritengono i salvatori dell’Italia, da sinistra a destra, non cominciano a parlare di giustizia sociale, secondo cui è oggi impensabile che un italiano come tanti altri vada in pensione (e che pensione!) solo dopo 2 anni, 6 mesi e un giorno di servizio al parlamento, quando per altri ne occorrono 40 di anni (e per molto meno ) o che ci siano politici e dirigenti di enti statali che percepiscono stipendi faraonici e pensioni altrettanto, o che per andare al lavoro, mentre ogni italiano normale deve prendere la sua macchina, altri hanno l’auto e l’autista e molto altro pagati dai contribuenti, o fino a quando parlano alla gente di famiglia e matrimonio mentre al parlamento manca ogni etica e morale e dove tutti convivono o hanno le famiglie allargate, fino a quando non si vedrà un politico che va in TV e in tribunale per accusare colleghi corrotti facendo nomi e cognomi e mandandoli in galera, magari confiscando il mal tolto a favore della collettività, fino a quando non si vedrà applicare il redditometro e lo studio di settore per primi a loro stessi, fino a quando non smetteranno di riempirsi la bocca di chiacchiere e la finiscano di investire sulla guerra, come hanno fatto diversi paesi del mondo dove non c’è l’esercito e quindi zero spese militari, investendo quelle somme per ben altro, fino a quando non finiranno di incitare alla guerra tra poveri dando notizie di falsi invalidi distogliendo così l’attenzione dai veri problemi creati dalle loro politiche sbagliate e dalla loro ipocrisia che li porta a dire in TV quello che la gente vuole sentirsi dire pensando che ciò possa ancora funzionare, fino a quando non faranno le loro scelte politiche per il bene dei cittadini e non per la lobbi economica di turno con cui a turno ogni politico si spartisce i profitti, fino a quando esisterà questo e tanto altro la gente non avrà più fiducia nella politica. Manca l’etica del buon politico,una sorta di codice da fare imparare a memoria e sottoscrivere, prima di candidarsi. Il vaso è colmo e l’effetto grillo ne è la dimostrazione, si arriverà allo sfascio totale, a un punto di non ritorno; e io: “speriamo che me la cavi”!

  4. tiziana campisi ha detto:

    Uomini mascherati, gente che si riunisce alla maniera dei carbonari,leader carismatici e visionari…Lo scenario è davvero inquietante,addirittura spettrale.

  5. Francesco Paolo Magno ha detto:

    Oggi 9 marzo 2013, a ottantuno anni, e dopo una vita dedicata agli studi, mi accorgo, davanti alle vicende del nostro Paese, che diventano ogni giorno sempre più incredibili-, oggi mi accorgo e comprendo che, oltre alla GUERRA CIVILE, combattuta con le armi, esiste ANCHE un’altra forma di GUERRA CIVILE : una GUERRA CIVILE, che è combattuta da forze istituzionali, opposte tra loro, le quali si contendono la vittoria, senza alcun rispetto delle più elementari norme giuridiche e nel rifiuto totale di ogni comportamento, che sia ispirato dal BUON SENSO ( questo cieco e caotico sommovimento suole accadere nella prima forma di GUERRA CIVILE, cioè in quella che è combattuta con l’uso delle armi). Oggi ho scoperto la nuova forma di GUERRA CIVILE : forze istituzionali sanitarie , forze istituzionali politiche, e forze istituzionali giudiziarie si scontrano con durezza, e si contrappongono tra loro. La GUERRA CIVILE ( in qualsiasi forma si presenti ) è il segno del punto più alto, che può essere raggiunto da una CRISI SOCIALE. Utilizzo il cantuccio, che ci offre, con il suo BLOG , lo storico, prof. Giuseppe Casarrubea -, utilizzo questo cantuccio, per comunicare il mio avvilito SENTIMENTO DI ALLARME, sperando che esso giunga alle orecchie di chi ha ancora alcuni mezzi per arrestare, o, almeno, frenare questa cieca e irresponsabile corsa verso un evento, che mai ha avuto occhi per distinguere il BENE dal MALE, i GIUSTI dagli INGIUSTI. E’ vero che la storia degli uomini continua anche dopo la più atroce catastrofe, ma nessuno può negare che è meglio sopravvivere, senza passare attraverso una catastrofe. Per una soluzione di questo tipo non occorre che la massima Autorità dello Stato abbia, in sommo grado, il possesso della RAGIONEVOLEZZA : basterà il BUON SENSO del comune PADRE DI FAMIGLIA.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...