Giuliano, braccio armato degli Usa

Michael Stern (Oss) e Giuliano a Montelepre (Archivio Casarrubea)

Michael Stern (Oss) e Giuliano a Montelepre (Archivio Casarrubea)

Pubblichiamo, qui di seguito, la lettera con la quale Giuliano dichiara di essersi messo a disposizione degli Stati Uniti d’America per lottare contro i comunisti.

Il documento è allegato al Rapporto giudiziario con il quale i marescialli dell’Arma dei Carabinieri, Lo Bianco, Calandra e Santucci denunciarono il 4 settembre 1947 Giuliano e la sua banda, quali esecutori materiali della strage di Portella della Ginestra. Questo Rapporto, in realtà, ebbe la supervisione dell’ispettore di P.s. Ettore Messana, che pur avendo abbandonato il suo incarico dopo i fatti del 1°maggio 1947, grazie alla denuncia politica espressa dal dirigente comunista Girolamo Li Causi, tuttavia rimase nei fatti al suo posto gestendo la fase terminale della sua carriera con la cura scrupolosa di quell’atto di denuncia all’autorità giudiziaria. Si tratta del primo atto di depistaggio costruito a tavolino da un organo dello Stato, nel quale il fenomeno del banditismo è rigidamente chiuso dentro i suoi confini territoriali, ma nel quale, però, gli stessi Carabinieri non poterono fare a meno di riferire quanto era sotto gli occhi di tutti. Che, cioè, la manovra eversiva partita il 1°maggio era proseguita il successivo 22 giugno con gli assalti alle Camere del Lavoro e alle sedi del Pci e dei socialisti in ben sette comuni della provincia di Palermo, con altri morti e decine di feriti. L’obiettivo, aveva detto il bandito Pasquale ‘Pino’ Sciortino era quello di provocare la reazione (e poi la repressione) in tutte le altre provincie siciliane.

Su Ettore Messana occorre, in ultimo dire, che era stato questore a Lubiana, aveva organizzato le retate contro i partigiani della Slovenia, deportandoli nei campi di internamento italiani, tra il 1941 e il 1942; che era ricercato dalle Nazioni unite per crimini di guerra e che era stato promosso a guidare la pubblica sicurezza in tutta la Sicilia, anziché essere mandato sotto processo, da parte del governo De Gasperi, nel 1945.

GC

Il documento che riportiamo in pdf è copia digitalizzata di un originale costituente la velina di un allegato pervenuto al nostro Archivio grazie alla famiglia Tagliafierro che ringraziamo.  Il bandito aveva indirizzato la sua lettera al Giornale di Sicilia.

Per leggere il testo clicca qui: 005 LETTERA GIULIANO GDS

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in bandito Giuliano, DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Giuliano, braccio armato degli Usa

  1. giuseppe pollaccia ha detto:

    grazie prof

  2. Pingback: SALVATORE GIULIANO A DISPOSIZIONE DEGLI STATI UNITI PER CONTRASTARE IL COMUNISMO: ECCO IL DOCUMENTO - VEJA.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...