Una bella scampagnata

Hemingway, i suoi figli e la moglie, Sun Valley, 1940 (Capa)

Hemingway, i suoi figli e la moglie, Sun Valley, 1940 (Capa)

Quel giorno erano in cinque: Ernest Heminguay, sua moglie, i suoi figli e Robert Capa, il fotoreporter ungherese che aveva deciso di lasciare la sua patria e di mettersi al seguito degli americani per rischiare la pelle. Ma non per gli americani, ma per il desiderio che aveva di osservare il mondo, le follie degli uomini, e il loro bisogno di riscatto e di libertà da ogni tirannide. Il luogo prescelto erano i campi di battaglia che a partire dal 1940 si aprirono in mezzo mondo. Hemingway e Capa si erano conosciuti da antica data, cioè prima ancora che la seconda guerra mondiale  scatenasse in Europa lo scontro senza precedenti, tra il nazifascismo e gli Alleati, mettendo l’uno accanto all’altro uomini che avevano in comune lo stesso desiderio di libertà e lo stesso odio contro ogni forma di oppressione. Hemingway non era nuovo a simili ardori, tant’è che lo si era visto sul fronte del Piave durante la prima guerra mondiale, la Grande Guerra. Appena ragazzo. Cosa che mi dà un qualche orgoglio, perché essendo dello stesso anno di nascita di mio padre, anche lui ragazzo del 1899, aveva combattuto da quelle parti con la passione e l’amore che solo i diciottenni o i ventenni possono avere. Si era arruolato volontariamente come autista di autoambulanze con la Croce Rossa degli Stati Uniti. Mio padre, invece, era sul campo di battaglia, soldato del 5° Reggimento degli Alpini, Decimo Battaglione,  ed era giunto in territorio dichiarato in stato di guerra il 24 marzo 1918. Da qui era ripartito il 4 novembre 1918 dopo l’armistizio di Villa Giusti (Padova) firmato, il giorno prima, dall’imperatore austro-ungarico con l’Esercito italiano.

Due volontari. Il primo veniva da molto lontano e non glielo aveva fatto fare proprio nessuno lottare per degli stranieri, quali eravamo noi. Il secondo era invece italiano e con quel suo gesto di volontario, di ragazzo del ’99, come allora furono chiamati i soldati di questa leva, voleva riscattare il suo Paese dall’oppressione straniera, anche lui spinto da un’ansia di libertà.

L’amicizia tra Hemingway e Capa, non risaliva, però, al 1940, quando l’ungherese immortalò il picnic del suo amico a Sun Valley. Aveva una sua prima radice comune: il sostegno che entrambi diedero contro le forze antifranchiste durante la guerra civile spagnola. Così l’antifascismo di Hemingway si incontrava con quello di Capa e  quando Mussolini dichiarò la sua guerra unilaterale contro le potenze che chiamava plutocratiche del mondo, i due amici avevano già intessuto nuovi robusti legami tra di loro, a tal punto da passare assieme, momenti distensivi, carichi, però, di speranza e di futuro.

Nelle sue fotografie Capa ci dà sempre un’immagine distesa e quasi agreste del suo amico. Lo coglie o mentre scrive, o mentre passeggia con la moglie, oppure su un vecchio ponte di legno mentre osserva il figlioletto che dorme. O, ancora, mentre passa in rassegna gli animali della cacciagione di giornata, distesi uno dopo l’altro come trofei  su un terreno erboso o appesi in casa di quella famiglia dove la vita oscillava tra libri e natura. Ma anche, tra ansie di libertà e voglia di vivere.

Giuseppe Casarrubea

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Una bella scampagnata

  1. Laura Sgarioto ha detto:

    Al Museo Nazionale di Budapest fino al 12 gennaio 2014 sarà possibile visitare una mostra dedicata a Robert Capa, intitolata “A játékos” (Il giocatore). Non me la perderò!

  2. rosangela mattei ha detto:

    viene presentato il 27 ottobre a Matelica, il libro di Rosangela Mattei ” Enrico Mattei mio zio” Rosangela Mattei

    Date: Tue, 22 Oct 2013 10:40:27 +0000 To: rosangela.mattei@hotmail.it

  3. Credimi, i tuoi articoli sono confortanti sia come lettura sia come argomenti trattati. Leggendoli, mi sento come se fossi presente nei luoghi e nelle azioni descritte. Alla non più giovane età hai dato informazioni culturali utili a me sconosciuti. Grazie.

  4. feffo ha detto:

    grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...