Letta e la terza legge di Newton

Enrico Letta all'Assemblea Nazionale del PD

Enrico Letta all’Assemblea Nazionale del PD

In questo semestre di governo Letta abbiamo assistito a un fenomeno costante e rituale: l’annullamento degli effetti indotti dalle varie proposte di legge che tutti i sostenitori delle larghe intese speravano di portare in porto, con il massimo risultato per gli italiani e anche, e soprattutto, per il loro partito. Ma nello stesso tempo abbiamo constatato, con molta delusione, che la spinta di queste forze, volta a realizzare il cosiddetto bene pubblico, si distorceva sempre in un effetto vacuo, o nell’annullamento della stessa spinta. E tutti ci siamo chiesti che fenomeno fosse questo,  frutto delle larghe intese.

 

Non sapendo trovare risposta esauriente, abbiamo pensato all’eterno influsso malefico dell’uomo di Arcore, o all’incapacità singola dei ministri incapaci di far fare un passo in avanti per cambiare le sorti dei giovani, dei disoccupati, e di tutte le altre categorie, i pensionati in testa, che vivono sbarcando il lunario, o con le pensioni sociali o con quelle che dopo più di quarant’anni di lavoro si sono guadagnate con il sudore della loro fronte. Con la pena del contrappasso degli acciacchi che li hanno presi di mira, e la previsione non del riposo, ma di una seconda vita di sacrifici e sofferenze.

 

In ogni caso personalmente pensavo che tutto fosse dovuto a scelte politiche, quando una notte d’improvviso mi sono svegliato pensando a Newton. Alla genialità di quest’uomo che con niente scoprì la legge di gravità e quell’altra legge che si applica a quelle coppie di forze che esercitando una spinta su se stesse producono una forza uguale e contraria. Non è come nel gioco delle bocce che tutti spingono verso una buca il pallino. E’, al contrario, come se i giocatori avessero due campi di tiro opposti e, quando ciascuno tenta di prendere il pallino, questo va nella direzione opposta a quella nella quale si trova il giocatore del versante opposto.

 

Ora mi pare che a questo governo Letta succede la stessa cosa. Tale e quale. Alla sua attività si applica benissimo la terza legge di Newton per cui se il Pd (oggetto A) esercita una forza X sul Pdl (oggetto B), allora quest’ultimo eserciterà sul primo una stessa forza uguale e contraria. E le due forze si annullano.  Non c’è niente da fare. E’ la fisica. “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”. Lo abbiamo visto con la legge di stabilità e con una serie innumerevole di casi. L’Imu, ad esempio. Il centro-destra non vuole tassate le case dei ceti medio-alti, vuole abolire questa imposta. Ne deriva che dovendosi reperire nuove risorse queste cadono sui cosiddetti servizi, con la scusa che siano servizi alla casa, quando invece sono servizi alle persone. Per cui a rigor di logica, le nuove tasse sostitutive dell’Imu, che si sono moltiplicate a vista d’occhio prendendo i nomi più svariati, si trasformano tutte in tasse ad personam, che ogni cittadino che riceve un servizio dovrebbe pagare. E siccome le famiglie più numerose sono quelle dei ceti medio-bassi, ecco ritornare il problema. Che non è risolvibile se non attraverso una legge ingiusta, che fa entrare dalla finestra quello che si è fatto uscire dalla porta.

 

Ora dico io, non era meglio quando in epoche remote si pagava la tassa focatico? Non era meglio quando il popolo di Palermo urlava nella piazza Bologni, dove era stato eretto un bronzo al re di Spagna Carlo V, lamentando il fatto che anche le finestre pagavano le tasse?  “Già lu sapemu u bannu d’avanteri/ c’ogni pirtusu paga tarì dui./ E cu lu sapi si lu pirtusu ch’avemu d’arreri/ pagherà unu o tarì cchiui [già conosciamo il bando dell’altro ieri/ che ogni buco paga due tarì/ ma non sappiamo se il buco che abbiamo di dietro/ ne pagherà uno oppure di più].

Stiamo arrivando a quella disperazione in questo “caos calmo” che ci contraddistingue, in cui si pretende di mantenere assieme il diavolo e l’acqua benedetta, la morale con gli immorali, i cani e i lupi con le pecore.

Giuseppe Casarrubea

 

 

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Letta e la terza legge di Newton

  1. E’ felice l’indicazione della legge newtoniana, per spiegare l’IMMOBILITA’ DEL GOVERNO LETTA. Ma, in questo caso, gli elementi della situazione sono esseri consapevoli, che operano per la salvaguardia degli interessi padronali italiani, o per quella degli interessi padronali di Paesi esteri ( Germania, Francia : c’è una riedizione della cosiddetta SIN-ARCHIA, progettata negli anni ’30 del Novecento ). Per me l’immagine più appropriata è quella del “GIOCO DELLE TRE CARTE”, dove l’equilibrio realizzato torna a vantaggio dei COMPARI, che sono presenti allo svolgimento del gioco, e svolgono FUNZIONI COMPLEMENTARI, mentre FREGATO resta l’ingenuo cittadino, che, speranzoso, punta il suo denaro sopra una carta. L’EQUILIBRIO nasce dalle AZIONI e CONTROAZIONI dei COMPARI presenti, mentre lo SQUILIBRIO pesa e colpisce l’ILLUSO GIOCATORE. Nel GIOCO FASULLO dell’attuale vita politica lo SQUILIBRIO PENALIZZA la massa di gente, che non fa parte della CLASSE PADRONALE.

  2. La politica non interessa più alle persone perchè deluse ,identificandola con la casta ed i suoi privilegi: Non è applicabile ,anche in questo caso, la teoria di Newton, alimentata e voluta da chi per quasi 20 anni ha seminato questa cultura per allontanare le persone dalla partecipazione e coltivando nel paese la personalizzazione alla politica ?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...