Palermo, strage del pane (lettera di Montalbano a Togliatti)

1948-palmiro-togliatti-dopo l'attentato del fascista Antonio Pallante

1948-palmiro-togliatti-dopo l’attentato del fascista Antonio Pallante

Oggetto: Lettera di Montalbano a Togliatti[1]

Data: 21 ottobre 1944

 

Caro Togliatti,

mando il Giornale di Sicilia, dove sono esattamente descritti i luttuosi incidenti di Palermo del giorno 19.[2] 

 

Dall’elenco dei morti e dei feriti, potrai accorgerti che l’eccidio è stato consumato in danno di ragazzi inermi, che chiedevano pane e pasta.

 

La responsabilità dell’eccidio ricade esclusivamente sui soldati e gli ufficiali della divisione Sabauda, che hanno lanciato le bombe e sparato con fucili mitragliatori, senza nessuna provocazione.

 

Ciò è provato non solo dalle dichiarazioni unanimi dei componenti la folla e dei cittadini che per caso si trovarono sul posto, ma anche dalle deposizioni dei due commissari di pubblica sicurezza che dirigevano il servizio d’ordine pubblico.

 

Si stanno facendo due inchieste, una giudiziaria e una amministrativa, per accertare bene i fatti. L’inchiesta amministrativa sarà condotta anche con la partecipazione di tre membri del Comitato di Liberazione, uno dei quali sono io.

 

In città, il fermento cresce di ora in ora. L’indignazione è unanime. Disordini gravissimi possono verificarsi da un momento all’altro per tre ragioni:

 

perché la popolazione si sente abbandonata dalle autorità e, sicura che non sarà fatta giustizia, tende a reagire direttamente;

 

perché i separatisti – i quali quattro giorni fa hanno provocato lo sciopero degli impiegati comunali, in grandissima maggioranza separatisti – continuano a soffiare nel fuoco e a provocare incidenti;

 

perché la tendenza estremista della nostra federazione, formata in gran parte da giovani, intende proclamare lo sciopero generale ed assumere la direzione dei moti.

 

Una tendenza estremista, filoseparatista, vi è anche alla direzione della Camera del Lavoro.

 

Il comitato esecutivo della nostra federazione, unanimemente, ha finora seguito questo atteggiamento:

 

rimanere continuamente a contatto col Comitato di Liberazione;

 

mantenere pure i contatti con gli agitatori popolari, assicurando loro che il Pci farà di tutto perché sia resa giustizia al popolo e siano puniti i colpevoli;

 

sorvegliare i separaratisti, i quali, approfittando della situazione, tendono ad impadronirsi, anche con la forza, della prefettura e di tutti gli organi di comando.

 

Bisogna che venga qualcuno della direzione del partito in Palermo, o almeno che ci chiamate al telefono ogni sera dopo le ore 21.00, per darci qualche consiglio. Il numero del mio telefono è: 18123.

 

Fraterni saluti,    

Giuseppe Montalbano


[1] Cfr. Archivio Centrale dello Stato, XII/1, busta 1, fascicolo Ovra. Lettera inviata da Palermo a Roma. Documento originale in italiano.

[2] Montalbano si riferisce alla strage di via Maqueda, a Palermo: la divisione “Sabauda” spara sulla folla in tumulto, provocando la morte di una ventina di persone.

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Palermo, strage del pane (lettera di Montalbano a Togliatti)

  1. Carissimo Casarrubea, nell’inverno del 1944 ogni mattina , nelle strade di Palermo, erano rinvenute numerose persone morte per assideramento, perchè affamate : da qui la necessità e la legittimità della protesta, in via Maqueda, davanti all’edificio della Prefettura. Come nel 1898 a Milano, così a Palermo nel 1944 i governanti utilizzano l’esercito. E’ assai utile che tu abbia riesumato la lettera di Giuseppe Montalbano, la cui personalità merita uno studio approfondito, di cui potresti farti carico tu.Il Montalbano, a partire dagli anni ’20 del Novecento fu un appassionato comunista, e tale continuò ad essere per alcuni anni nell’immediato secondo dopoguerra. Poi a poco a poco egli venne messo da parte, e finì con l’essere accolto nelle file dei Fascisti . Sarebbe assai interessante scoprire quali siano state le cause di questa trasformazione. Il Montalbano si occupò, in prima persona, della strage di Portella : e questo è una campo di ricerca, in cui tu sei MAESTRO.Il Montalbano, nel secondo dopoguerra insegnò PROCEDURA PENALE nell’Università di Palermo, ed ebbe tra i suoi allievi Maurizio Bellavista, nipote del prof. Girolamo Bellavista, che difese Calogero Vizzini nel processo relativo ai fatti di Villalba. A lume di naso sospetto che tra Giuseppe Montalbano e Girolamo Li Causi non ci siano stati rapporti cordiali. Che ne pensi ?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...