Deportazioni di ebrei sotto le stanze vaticane

Ebrei-in-italia

Ebrei-in-italia

Ecco il documento con il quale  il vescovo Hudal comunica al comandante militare di Roma la sua protesta per l’avvenuto avvio delle deportazioni di ebrei romani, sotto gli occhi impotenti del papa. E’ l’inizio di una tragedia che colpirà oltre mille ebrei abitanti nella città eterna.

*

*

*

*

16 OTTOBRE 1943 / 47[1]

TELEGRAMMA URGENTISSIMO. DA ROMA (QUIRINALE) A BERLINO.

IL VESCOVO HUDAL, RETTORE DELLA CHIESA CATTOLICA GERMANICA IN ROMA, HA SCRITTO POCO FA UNA LETTERA AL COMANDANTE [MILITARE] DELLA CITTA’, STAHLS, NELLA QUALE TRA L’ALTRO AFFERMA:

“HO IL DOVERE DI METTERLA AL CORRENTE DI UN CASO MOLTO URGENTE. MI HA APPENA COMUNICATO UN’ALTA FONTE VATICANA, VICINA AL SANTO PADRE, CHE STAMANE SI E’ DATO INIZIO AGLI ARRESTI DEGLI EBREI DI CITTADINANZA ITALIANA. NELL’INTERESSE DEI BUONI RAPPORTI FINORA INTERCORSI TRA LO STATO VATICANO E IL COMANDO MILITARE TEDESCO – CHE E’ DA ATTRIBUIRE IN PRIMO LUOGO ALL’AMPIA VISIONE POLITICA E ALLA BONTA’ D’ANIMO DI VOSTRA ECCELLENZA, CHE IN FUTURO RIMARRA’ NEGLI ANNALI DELLA STORIA DI ROMA – IO LA PREGO VIVAMENTE DI ORDINARE CHE QUESTI ARRESTI SIANO IMMEDIATAMENTE SOSPESI IN ROMA E DINTORNI. IN CASO CONTRARIO, TEMO CHE IL PAPA PRENDERA’ PUBBLICAMENTE POSIZIONE CONTRO UN EVENTO CHE POTREBBE DIVENTARE UN’ARMA NELLE MANI DI CHI PROMUOVE LA PROPAGANDA CONTRO NOI TEDESCHI.”

F.TO: GUMPERT.


[1] NA/UK, GFM 33/2518.

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Cultura, DOCUMENTI STORICI e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Deportazioni di ebrei sotto le stanze vaticane

  1. Giacomo ha detto:

    Hudal e l’aiuto ai criminali di guerra in fuga

    Negli anni del dopoguerra a Roma affluì una gran quantità di nazisti in fuga. Desiderosi di lasciare al più presto la loro patria, dove avrebbero rischiato di essere perseguitati come criminali di guerra, si appoggiarono alla Chiesa cattolica che, con il supporto della Croce Rossa Internazionale, offrì loro la possibilità di emigrare in terre straniere, soprattutto in America latina.

    L’organizzazione della fuga era piuttosto semplice: gli uffici ecclesiastici attestavano l’identità del “fuggitivo” e la Croce Rossa Internazionale procurava i passaporti.

    Sui passaporti si potevano stampare nomi falsi e anche le fotografie potevano essere scambiate senza problemi dal momento che erano fissate solo con una graffetta. Solo chi era battezzato e anticomunista poteva ricevere un aiuto dal Vaticano.

    Adolf Eichmann, giunto a Roma da padre Weber, uno dei capi della Lega di S. Raffaele, raccontò di provenire dalla Germania orientale e di non voler essere catturato dai bolscevichi. Ottenne così un passaporto con il falso nome di Ricardo Klement e all’indomani della sua fuga affermò che «si era ricordato con profonda gratitudine dell’aiuto datogli da sacerdoti cattolici e decise di onorare la fede cattolica divenendone membro onorario».

    Uno dei responsabili della fuga dei criminali di guerra fu il vescovo Alois Hudal, amico di Faulhaber (cardinale arcivescovo di Monaco) e rettore dal 1923 del seminario di lingua tedesca della Chiesa di S. Maria dell’Anima a Roma, che riteneva i perseguitati «spesso del tutto innocenti sul piano individuale, soltanto gli organi esecutivi degli ordini di autorità superiori» e si vantava di aver «strappato non pochi ai loro persecutori con documenti falsi e con la fuga in paesi più fortunati».

    La testimonianza del fatto che Hudal si adoperò energicamente nella fuga dei criminali di guerra è l’archivio della Chiesa di S.Maria dell’Anima a Roma. In numerosi scatoloni si possono tuttora trovare lettere di ringraziamento inviate al vescovo da nazisti e attestati che scagionano i criminali di guerra da qualsiasi tipo di responsabilità.

    Significativa è una lettera spedita nel 1948 a Hudal da un certo Max Führer da San Paolo del Brasile nella quale si legge: “Prego Vostra Eccellenza, prima di tutto, di voler accettare ancora una volta il mio più sincero ringraziamento per il grande aiuto e il sostegno concessimi da Vostra Eccellenza”.

    Anche Walter Tubenthal, dal 1934 al 1945 presidente distrettuale a Treuburg nella Prussia occidentale, il quale lasciò nel 1949 la Germania “per via illegale”, scrive di Hudal: «Grazie a lui ho conosciuto la grandezza e la pienezza del potere ecclesiastico e mondano, e la tolleranza e la benevola comprensione della Chiesa cattolica».

    Hudal agisce in stretta collaborazione con il clero d’oltreoceano che stanzia molto denaro per permettere la traversata a coloro che giungono dall’Europa.

    Nel marzo del 1948 Hudal raccoglie tutti i suoi consigli per coloro che si danno alla fuga in “istruzioni per gli emigranti”. Egli afferma che:

    all’emigrazione si prestano solo gli stati sudamericani;
    è indispensabile avere un passaporto austriaco o uno rilasciato dalla Croce Rossa Internazionale;
    bisogna valicare i confini con un permesso di soggiorno che si può ottenere grazie alla collaborazione della Caritas cattolica onde evitare di essere internati.
    Hudal collabora negli anni successivi alla fine del conflitto con la rivista “Der Weg”, che ha la sua redazione a Buenos Aires e alla quale lavora Juan Maler, criminale di guerra fuggito grazie all’aiuto del vescovo, il quale, in una lettera inviata nel 1948 a Hudal, afferma che “Der Weg” è l’unica possibilità «di mantenere vivi i valori della nostra civiltà cristiana occidentale in un’epoca di totale abbandono».

    Alla fine del 1948 il vescovo invia un articolo alla rivista “Der Weg” nel quale, appellandosi ai suoi fedeli nazisti, afferma: «Passerà soltanto qualche anno, e inizierà la grande revisione della storiografia tedesca degli ultimi 30 anni, al fine di garantire al nostro popolo diritto e giustizia» e nel quale sottolinea come sia un “delitto politico” la completa distruzione dell’esercito tedesco poiché esso è « il più disciplinato che la storia abbia mai visto».

    Lo scandalo suscitato dall’articolo di Hudal non è ancora sedato quando i quotidiani ne sollevano un altro. Nelle sue memorie infatti il vescovo scrive: «Nell’ospedale di S. Spirito a Roma è morto tra le mie braccia, assistito da me fino all’ultimo, il vice governatore della Polonia […] barone von Wachter, che era ricercato ovunque dalle autorità alleate e ebraiche.[…] Wachter riuscì, non da ultimo grazie anche all’aiuto disinteressato e commovente dei sacerdoti italiani, a vivere per mesi a Roma sotto falso nome».

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...