L’Europa come obiettivo e come opportunità

Matteo-Renzi

Matteo-Renzi

La vittoria di Renzi nelle elezioni europee di domenica non ha nulla di ordinario. Non era mai successo, infatti, che i partiti politici, subissero uno spostamento di consensi così alto come quello che ha registrato il PD e che l’arcipelago dei vecchi governi fosse mandato in frantumi in tutte le sue periferie. La debacle ha colpito anche partiti tradizionalmente forti, come il PdL-Forza Italia, i populismi chiassosi delle piazze e della rabbia senza direzione politica, mentre hanno fatto capolino sulla scena partiti che hanno saputo leggere la crisi nostrana, sia a destra come il NCD, sia a sinistra come il partito di Alexis Tsipras.
La prima domanda da porsi è dunque questa: cosa rappresentano i risultati elettorali in Italia? Non ci sono altre risposte che questa: una forte spinta verso un processo di riforme e di cambiamento che riesca a risolvere la crisi che attanaglia il mondo del lavoro con tutti i suoi dati drammatici e di prospettiva. Ciò significa che in queste europee gli italiani hanno creduto nella scommessa di Renzi e hanno in qualche modo premiato Alfano e la lista Tsipras per i loro elementi di supporto positivo a un mutamento degli atteggiamenti istituzionali europei. Hanno espressso in modo inequivocabile la volontà di un cambiamento di rotta rispetto alla mortificante azione di restrizioni contro i ceti medio-bassi volute dal neoliberismo della Merkel. Se Renzi riuscirà, con il suo piccolo esercito a giocare una buona partita con i suoi potenziali alleati di Bruxelles, a cominciare da Martin Schultz, le cose allora potrebbero cambiare, a partire dalle riforme economiche e da una saggia politica sull’immigrazione. In questo senso Tsipras propone un cambiamento profondo: riduzione delle spese militari; tassazione delle transazioni finanziarie e dei beni di lusso; difesa del diritto all’istruzione, alla sanità e all’ambiente. Cioè un’inversione della politica della Troika.
A questo punto a Renzi non conviene isolarsi, ma trovare ogni consenso possibile. Non solo quello dei socialisti europei, ma anche e soprattutto delle forze autenticamente europeiste, come quelle raccolte anche per l’Italia dalle liste Tsipras, con cui Renzi dovrà fare i conti se non vuole avviare la diaspora del Pd, come effetto indotto da una malaugurata continuità politica nei vari Paesi dell’Europa.

GC

Advertisements

Informazioni su Giuseppe Casarrubea

Giuseppe Casarrubea (1946 - 2015), ricercatore storico. E' stato impegnato per anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Attualità, Politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’Europa come obiettivo e come opportunità

  1. Giacomo Falchetta ha detto:

    Bel pezzo! A questo proposito mi fa piacere condividere un post che ho appena scritto: https://giacomofalchetta.wordpress.com/2014/05/29/europa-e-kant/#more-170

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...