I limoni lunari

limone lunare di due anni

limone lunare di due anni

Si chiamano lunari

Perché ogni luna butta le sue zagare

Senza risparmio, ma non tutte infruttano,

casca la vecchia foglia dalle nuove,

forti le scure

gialle le deperite, come noi.

Quando si coglie l’ultimo limone

Giallo maturo, è verde il piccolo

E affaccia il nuovo fiore, in ogni tempo

Senza darci la secca.

Si raccolgono quando non c’è altri

E hanno altro valore.

Arrivano a cent’anni come noi, forti,

se si è sinceri non vi viene il male

si resiste meglio: a guardare una pianta di lunari

non pare mai inverno.

(Danilo Dolci, Il limone lunare, Bari, Laterza, 1969, dal testo manoscritto corretto dall’autore)

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Danilo Dolci. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...