Cocci di parole

latte e mandorle

latte e mandorle

Anche le parole, come i cocci di vasellame di altre epoche e civiltà, possono essere attaccate dal tempo, fratturarsi, diventare frammenti di oggetti che a stento talvolta ci consentono di ricostruire l’oggetto intero di cui sono l’ultima testimonianza. Ci arrivano all’improvviso, dalla notte lunga dei tempi, quasi senza che ce ne accorgiamo. Ma non hanno più il significato di prima, il loro senso è mutato e anche la civiltà di cui facevano parte, è scomparsa e stenta ad essere ricostruita.
Me ne sono accorto una di queste mattine, mentre di buonora mi rigiravo nel letto con in testa un’espressione dialettale di parecchi decenni fa. “A calureddu di latti”. Un modo di dire che ricorreva in famiglia e di cui faceva largo uso mia madre. Si riferiva alla temperatura media del latte appena munto dalle vacche, che passavano la mattina davanti alle porte delle case, perché gli allevatori, spesso poveri, potessero vendere il latte fresco alle varie famiglie, specie se avevano bambini. Ecco, la temperatura di questo latte appena uscito dalle mammelle delle vacche era lo standard utile a indicare vari altri generi di bevande. Un tepore piacevole, insomma.

L’espressione “calureddu” denotava, poi, un’altra raffinatezza linguistica. La parola era il diminuitivo del sostantivo “caluri”, un concetto molto diverso da quello, più intenso e ricco di affettività, di “calureddu”: un calore tenue e piacevole, che rendeva il latte fresco una prelibatezza.
Ora, per fortuna, di vacche per le strade non ne circolano più; le vacche se ne stanno negli impianti zootecnici, e passano qui il loro tempo, a dfferenza di quelle siciliane che continuano a praticare il pascolo brado e producono un latte veramente buono. Con le vacche e le pecore sono scomparsi quindi i mandriani, i vaccari, i guardiani, i curatoli. Il produttore conferisce il latte alle imprese commerciali e di lavorazione. E tutto finisce qua. Civiltà scomparsa. E noi ringraziamo sempre Iddio per questa evoluzione. Ma con loro sono anche scomparse quelle relazioni familiari e sociali, che davano un’affettività diversa alla cose. Ma non poteva andare diversamente.
Giuseppe Casarrubea

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI, Cultura, Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...