Bernardo Mattarella e la Democrazia cristiana

Bernardo_Mattarella

Bernardo_Mattarella

Class.: segreto
Oggetto: Esponente democristiano illustra la visione del suo partito a proposito del comunismo
Fonte: Z sicana (Palermo)
Data: 24 gennaio 1945

Non esiste alcun patto tra la Dc e il Pci: è l’opinione di Bernardo Mattarella, sottosegretario alla pubblica istruzione ed esponente democristiano.

I comunisti hanno vanamente cercato un accordo politico.

Mattarella ha affermato che la Dc intende formare un governo tripartito con socialisti e liberali. Ma i democristiani non si sono finora accordati con i socialisti per l’insistenza di questi ultimi ad includere i comunisti nell’alleanza.

A proposito della repentina decisione comunista di accettare un dicastero nel nuovo governo Bonomi, Mattarella ha dichiarato:

“L’inclusione del Pci nel governo ben si sposa con la nostra strategia politica: i socialisti, infatti, hanno deciso di rimanerne fuori. La situazione può aiutarci a trovare un accordo con il Psi per escludere i comunisti ed accogliere i liberali.”

Mattarella si è poi detto preoccupato per la crescita comunista Egli ritiene che la lotta politica italiana si svilupperà tra la Dc e il Pci. “I comunisti sono i nostri veri nemici”, ha aggiunto.

Il leader democristiano ha commentato l’atteggiamento americano nei confronti dell’espansione del comunismo in Italia: non comprende perché ai comunisti sia stato concesso di entrare nelle zone recentemente liberate dagli Alleati. Ai democristiani tale autorizzazione è stata negata. Inoltre, la Dc non ha le stesse opportunità di fare propaganda politica. Ha poi concluso con le seguenti parole: “La situazione è allarmante: non riesco a spiegarmi perché le autorità americane si comportino in questo modo”.

Oss (Palermo)

Il documento si trova in Nara, rg. 226, s. 108, b. 150, f. jp-1300 e in copia presso l’Archivio Casarrubea

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Bernardo Mattarella e la Democrazia cristiana

  1. E’ umiliante e grave che i due partiti dominanti in Italia dalla fine della seconda guerra civile Europea del 20mo secolo alla fine della Prima Repubblica e oltre fossero di ispirazione e finaziati dall’Estero. Una tradizione disonorevole per l’Italia che continua ancora oggi nei casi della compravandita dei Senatori De Gregorio/Mastella, cambio del nome da PCI a PD come il DP USA dopo il crollo del muro di Berlino. Totale mancanza di spirito di sovranita’ risorgimentale. Vergona!!

  2. FrancoLucio ha detto:

    Senza poi tanto meravigliato scandalo, trovo semplicemente inqualificabile l’aggettivazione “nemici” usata da B. MATTARELLA per indicare gli avversari politici.
    FrancoLucio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...