Il mio otto marzo

8-marzo-festa-della-donna- (dal blog di Gaetano Cantalini)Il mio otto marzo non è fatto di cianfrusaglie o discorsi autorevoli. E’ fatto di pioggia e silenzio, di natura e memoria. Contiene quanto nessuno ha e potrà mai avere. Nuvole alte e fili d’argento che rompono l’aria e aprono il cuore. Donne vestite a nero, massaie che fanno le trecce di fichi secchi e asciugano grappoli d’uva e fichidindia al sole sui balconi. Vacche e donne silenziose di pastori, sperdute nei campi di una Sicilia senza tempo. Gerani curati dai poveri sulle verande e sulle finestre di pietra e fango. Donne che, con le loro mani eternamente pazienti e attive, li rendevano fioriti, come i fiori importanti dei roseti e dei giardini dei principi. Gardenie e orchidee spontanee raccolte nei luoghi ignoti dei viottoli di montagna, nei giorni di luce e di leggero vento.
Il mio otto marzo non è fatto di mimose, raccolte lungo le autostrade, o da qualche albero nei villini dei borghesi. E’ il rosario che si snoda dalla memoria della nostra terra, dal nostro essere siciliani e italiani, sequenza di preghiere e di lavoro inventato per sopravvivere. Ci sono tutte, con le loro velette e i volti fasciati di nero, come Francesca Serio, madre di Salvatore Carnevale. Ci sono le vedove della strage di Alia, e il vestitino rosso non finito di Antonella, figlia di Nicolò Azoti, sparato a Baucina. C’è Tatiana, la moglie russa di Accursio Miraglia, che morì a Sciacca, sempre affranta dal dolore. E le donne che a Viterbo – andarono verso il tribunale per dire ai giudici che le dovevano interrogare – loro che avrebbero avuto il diritto di interrogare – che nulla potevano sapere sui mandanti e sugli esecutori di quegli atroci crimini contro l’umanità: assalto con armi da guerra contro donne e bambini che festeggiavano il primo maggio 1947 o aggressioni terroristiche contro le Camere del Lavoro della provincia di Palermo il successivo 22 giugno. Vedove rimaste vedove per sempre, senza la giustizia che speravano, senza la verità che volevano. Come Francesca Serafino, moglie di Calogero Cangelosi, capo-lega di Camporeale, ucciso da Vanni Sacco il 2 aprile 1948. Francesca che vestì il nero, e dovette emigrare con i suoi figli piccoli, perché qualcuno aveva deciso che non poteva stare nel suo paese.
Il mio otto marzo è un elenco di volti e di storie. Sconfitte e resurrezioni: le sconfitte di uno Stato, fatto di negazioni della verità e di offese alla giustizia, di morti che urlano e di autorità sorde e ostili. Se almeno una di tutte queste donne, avesse potuto nella sua vita sorridere! Come non ha sorriso Anna Politkovskaïa, assassinata nel 2006 per la sua attività di giornalista che si batteva contro la politica di Vladimir Putin. Come non ha sorriso Boris Nemtsov, anche lui oppositore di Putin, ucciso il 27 febbraio scorso mentre si trovava con la modella ucraina Anna Duriskaya, lungo un ponte sulla Moscova. Le mie donne, che oggi festeggio, sono emarginate e nascoste. Attraversano il buio dei tunnel infiniti, come la cattiveria degli uomini di potere che vivono di finzioni e recite. Sono l’avanguardia di un esercito di combattenti che viene da lontano e ci indica la strada da percorrere. Sta a tutti noi trovarla.
Giuseppe Casarrubea

Informazioni su casarrubea

Ricercatore storico. E' impegnato da anni in studi archivistici riguardanti soprattutto i servizi segreti italiani e stranieri. Ha pubblicato i risultati delle sue indagini con le case editrici Sellerio e Flaccovio di Palermo, Franco Angeli e Bompiani di Milano.
Questa voce è stata pubblicata in ARTICOLI e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il mio otto marzo

  1. Questa pagina interpreta ed esprime, nel modo più autentico, la FESTA DELLA DONNA.

  2. FrancoLucio ha detto:

    I più affettuosi complimenti per le sue toccanti riflessioni, grandemente utili a noi tutti, che ha saputo esprimere con un fiero ed audace spirito di Cavaliere Solitario, assegnando in un grande posto la MEMORIA di queste Donne lontane dagli interessi e dalle cattive passioni del nostro Secolo passato.
    FrancoLucio

  3. pasqualebeneduce@libero.it ha detto:

    caro maestro grazie come sempre per le tue parole impastate di bellezza e precisione pasquale beneduce

  4. Raffaele Pisani ha detto:

    “ 8 MARZO” – NOI LO FESTEGGIAMO COSI’ e lo dedichiamo a tutte le donne dell’universo
    ============================================================

    Ci amiamo, ci comprendiamo, ci confrontiamo, ci rispettiamo e ci aiutiamo tutto l’anno. Gli inevitabili momenti “no” cerchiamo di superarli discutendone e riconoscendo i nostri torti. Saper chiedere scusa, inoltre, pensiamo sia la spugna che cancella ogni incomprensione. Ci teniamo mano nella mano trasmettendoci forza e coraggio per affrontare e superare ogni ostacolo, per donare ciò che possiamo a chi ha più bisogno di noi. Raccogliamo giorni di luce e di libertà per una nuova esistenza, per spezzare tutte le catene che da mille e mille secoli creano schiavitù. Cerchiamo spazi di cielo per dare vita ai nostri pensieri, ai nostri sogni, alle nostre speranze. Non vogliamo concessioni né per noi né per gli altri, solo diritti e doveri. Il posto che ci spetta ce lo conquistiamo, ora dopo ora, giorno dopo giorno, con le nostre forze, la nostra rettitudine e il nostro impegno. Vogliamo che nessuna donna sia più disposta ad essere bambolina e mercanzia per alcuno e che nessun uomo, per potente che sia, possa comprarsi anima e corpo di alcun essere umano. Vogliamo che a nessuno sia permesso di soffocare il coraggio, i sogni e la determinazione di chi, sempre nel rispetto degli altri, vuole essere padrone assoluto della propria vita. Vogliamo per tutti un confronto onesto e serio perché siano riconosciuti, finalmente, gli stessi diritti. Menzogne e inganni non ci appartengono, né confondiamo mai l’amore con il possesso: “amare” vuole dire innanzitutto dare, donarsi; “amare” è il momento in cui
    “ l’io si perde nel tu dell’altro”. Così, fianco a fianco, mano nella mano, ogni giorno, tutti i giorni dell’anno, io e Francesca festeggiamo l’8 marzo, e le mimose le lasciamo sull’albero.
    Raffaele

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...